Juventus-Inter, la clamorosa accusa di uno dei protagonisti: “Eravamo 11 contro 12”

371

Juventus-Inter, la clamorosa accusa di uno dei protagonisti: “Eravamo 11 contro 12”. Pesanti accuse al termine del big match di Torino

Il Derby d’Italia è stato deciso dal rigore (doppio) fischiato da Irrati in chiusura di primo tempo. Ai bianconeri l’atteggiamento dell’arbitro (e del Var) non è andato proprio giù.

Juventus-Inter
Juventus-Inter (Ansafoto)

Il big match dell’Allianz Stadium tra Juventus e Inter si è deciso per un episodio arbitrale al 44′ del primo tempo. L’equilibrio è stato spezzato dall’intervento di Irrati e soprattutto del Var (Mazzoleni). L’assistente tecnologico ha richiamato il direttore di gara per il pestone di Morata su Dumfries (inizialmente non fischiato). L’esecuzione viene fallita da Calhanoglu, che si fa respingere il tiro da Szczesny. Sulla ribattuta, però, si avventano sul pallone in molti, con de Ligt che malauguratamente infila la propria porta dopo una carambola. Gol non convalidato e rigore che viene ripetuto. L’olandese (probabilmente assieme a Chiellini) infatti, è entrato nei 16 metri prima del tiro del centrocampista turco. Al secondo tentativo l’ex Milan pesca l’angolino e realizza quello che sarà il gol vittoria.

Juventus-Inter, Rabiot non ci sta: “L’arbitro ha deciso la partita”

Rabiot
Rabiot in Juventus-Inter (AnsaFoto)

Al termine dei 90′ uno scatenato Rabiot non ha potuto evitare di rivolgere un pensiero alla squadra arbitrale, accusando pesantemente Irrati. Oltre al rigore per l’Inter ce n’è infatti uno negato alla Juve (anche se le immagini non sono chiare) per intervento di Bastoni su Zakaria, giudicato appena fuori area.

Difficile vincere quando si gioca 11 contro 12. E’ importante dirlo quando l’arbitro sbaglia e questa sera ha sbagliato troppo secondo me. Stasera ha deciso la partita. Il fallo su Zakaria è un episodio importante che cambia la partita“, ha detto il francese a Mediaset e Dazn, rincarando poi la dose sui suoi profili social.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Adrien Rabiot (@adrienrabiot_25)

Di parere diverso Allegri, che almeno per una sera non vuole sentir parlare di arbitri e recriminazioni.

Abbiamo 7 partite in cui dobbiamo fare più punti possibili per mantenere il 4° posto perché ora la Roma è a soli 5 punti. A lottare per lo scudetto penseremo il prossimo anno. Chi è favorita ora? Per me l’Inter, basta vedere il calendario: è più facile rispetto a quello di Milan e Napoli“. Insomma uno sguardo già rivolto al futuro, senza guardarsi indietro. Un capitolo da archiviare il più in fretta possibile.