“Monopattini elettrici pericolosi”: un big si chiama fuori dal business

115

In un dibattito sempre molto vivace che riguarda i monopattini elettrici, richiestissimi dal mercato, un grande imprenditore decide di non investire nel progetto

Quando si parla di monopattini elettrici il dibattito diventa globale.

Monopattini
(Foto ANSA)

Perché questo tipo di tecnologia è stata uno dei grandi successi commerciali degli ultimi vent’anni. E il mercato, a quanto pare, è ancora estremamente ricettivo sotto questo aspetto.

Monopattini elettrici, un business importante

Un business che sarebbe non solo promettente ma assolutamente interessante. E sul quale decine di aziende di grande importanza economica hanno deciso di puntare senza indecisioni. Si parla di investimenti nell’ordine di alcuni miliardi di dollari. Le vendite questi nuovi mezzi, sia nel settore privato che nel settore del leasing e dell’affitto temporaneo sono in crescita esponenziale da almeno cinque anni.

Il “NO” di Elon Musk

Tuttavia si registra anche qualche voce molto autorevole fuori dal coro. Una di queste è quella del proprietario e fondatore del colosso automobilistico americano Tesla, Elon Musk. Da alcuni mesi – secondo il parere dell’autorevole rivista americana ForbesMusk è diventato l’uomo più ricco del mondo scalzando dal primato il proprietario di Amazon Jeff Bezos.

In una lunga intervista concessa all’autorevole Financial Times Elon Musk ha ribadito la sua totale contrarietà ai monopattini elettrici esprimendo un giudizio del tutto negativo sul mezzo e negando qualsiasi investimento in merito.

Elon Musk
Un elegantissimo Elon Musk al Metropolitan Museum di New York (Foto ANSA)

“Non raccomanderei mai a nessuno di guidarne uno, non lo comprerei mai a un figlio o a un nipote e sarei molto preoccupato se una persona cara decidesse di spostarsi con un monopattino elettrico quotidianamente” ha detto il patron della Tesla.

Monopattini pericolosi

Il motivo di tanta contrarietà è nella loro pericolosità: “Sono mezzi leggeri, veloci che sembrano risolvere un problema in termini di economicità e dinamismo. Ma ne aprono molti altri in fatto di sicurezza. Sono mezzi pericolosi. E nel corso degli ultimi anni questo problema non si è risolto perché le nostre stesse strade non sono predisposte per un genere di traffico di questo tipo. In caso di collisione un monopattino avrebbe comunque la peggio e gli esiti sarebbero micidiali anche se uno di questi mezzi investisse un pedone”.

Musk ha escluso categoricamente di voler investire su questo genere di progetto: “Non sono interessato e per quanto mi riguarda non ci sarà mai un progetto di monopattino elettrico che mi convincerà a investire. Continueremo a investire invece sulle auto per puntare sempre di più alla massima economia e sicurezza. E sono convinto che col tempo anche le grandi case automobilistiche, a poco a poco, supereranno i loro problemi con l’elettrificazione perché oggi è sempre più facile pensare di costruire un’auto elettrica che termica”.

Elon Musk poche settimane fa ha perfezionato l’acquisto di Twitter con un investimento da 44 miliardi di euro.