“Rischia di diventare ridicolo”, la bordata contro Roger Federer: non era mai accaduto

409

“Rischia di diventare ridicolo”, la bordata contro Roger Federer: non era mai accaduto. Il quarantenne fuoriclasse di Basilea nel mirino di un ex campione

Resterà per sempre ‘King Roger‘. Impossibile del resto non considerare tale un fuoriclasse con le qualità e il carisma di Roger Federer, il tennista che insieme al suo grande rivale e amico Rafa Nadal ha cambiato la storia di questo splendido sport. Ma il tempo purtroppo passa per tutti, anche per una leggenda come lui.

Federer
Roger Federer (Ansa)

Dopo vent’anni di carriera a livelli inimmaginabili, eguagliato soltanto da quell’altro alieno di Rafa Nadal, il momento del ritiro definitivo del campione elvetico dall’attività agonistica è sempre più vicino.

Un indizio che conferma l’imminenza di un evento comunque doloroso per tutti gli appassionati di tennis è l’uscita di Federer, a distanza di ben 22 anni, dai primi 50 posti del Ranking ATP. Ciononostante, alla soglia dei 40 anni che compirà i primi di agosto, il vincitore di 20 tornei del Grande Slam non sembra avere la minima intenzione di appendere la racchetta al chiodo.

King Roger non gioca una partita ufficiale dal 7 agosto del 2021, quando fu sconfitto dal polacco Hubert Hurkacz nei quarti di finale del torneo di Wimbledon. Un ko che secondo molti oasservatori ha rappresentato virtualmente la fine della sua carriera.

La bordata di Ion Tiriac a Federer: “Rischia di diventare ridicolo”

Tiriac
Ion Tiriac (Ansa)

Federer però non molla, anzi, va in cerca di un ennesimo rilancio sfidando le brutali leggi del tempo e qualche giorno fa ha annunciato che nel 2023 tornerà in campo con l’obiettivo dichiarato di stupire il mondo per l’ennesima volta.

Una decisione che se da un lato ha scatenato l’entusiasmo dei tifosi, dall’altro ha sollevato critiche e perplessità da parte di alcuni addetti ai lavori. A puntare l’indice contro la scelta di Federer è soprattutto un ex tennista e attuale imprenditore rumeno, il celebre e discusso Ion Tiriac.

Se a Roger piace il tennis può divertirsi a 40 anni, ma non credo che abbia la capacità di essere davvero competitivo. Così facendo rischia seriamente di diventare ridicolo“. Una bordata paurosa, di estrema durezza, che non sembra però aver scalfito le certezze di King Roger. Il 2023 non è lontano, mentre il giorno del suo ritiro è oltre l’orizzonte.