Caos Ferrari, una scelta azzardata fa discutere: arriva la stangata

273

Si fa complessa la situazione della Ferrari in vista del gran premio di Formula 1 in programma a Le Castellet

Sono giornate di riunioni tecniche intense in Ferrari in vista del gran premio francese di Le Castellet, 12esima prova del Mondiale di Formula 1 in programma domenica prossima.

Carlos Sainz, reduce dalle fiamme della sua power unit in Austria (Foto ANSA)

Le immagini della Ferrari di Carlos Sainz con il motore in fiamme sono ancora sotto gli occhi di tutti. Un problema tecnico che ha evidenziato dubbi sull’affidabilità della power unit allestita sulla macchina dello spagnolo, la seconda in dotazione per questa stagione.

Ferrari, pronta la nuova power unit

A questo punto la Ferrari ha due scelte. Utilizzare la terza e ultima power unit disponibile nelle dotazioni previste dal regolamento. O allestire un nuovo motore, montarlo in vista del gran premio francese, sfruttare la possibilità di avere qualche aggiornamento in più in vista della power unit che diventerà definitiva fino al completamento della stagione 2026, senza la possibilità di ulteriori modifiche.

Sainz ultimo in griglia?

Ferrari Sainz
L’impressionante immagine della Ferrari di Sainz in Fiamme (Foto ANSA – tratta da You Tube)

Una scelta rischiosa, un azzardo. Che però potrebbe fornire alla Ferrari un motore più aggiornato, si spera più affidabile e forse anche più performante. Una scelta che però, secondo i regolamenti di questa stagione, costerebbe una penalità in griglia allo spagnolo, costretto a partire dall’ultima posizione indipendentemente dal risultato di prove e qualifiche.

A Maranello danno questa scelta praticamente per scontata: ma l’ufficializzazione ci sarà soltanto con le conferenze stampa in programma domani pomeriggio. Il motore pronto per Carlos Sainz sarebbe in qualche modo il prodotto di quanto testato con estremo successo sulle Haas di Mick Schumacher e Kevin Magnussen, entrambi a punti sia a Silverstone che in Austria.