“Me lo ha insegnato Valentino Rossi”: Pecco Bagnaia svela il suo segreto vincente

230

“Me lo ha insegnato Valentino Rossi”: Pecco Bagnaia svela il suo segreto vincente. Il Mondiale sta per ricominciare a Silverstone 

L’attesa è stata lunga ma sta anche per finire. Il primo weekend di agosto sarà anche quello del ritorno per il Motomondiale che, complice la pausa della Formula 1, avrà tutti gli occhi puntati addosso. E Pecco Bagnaia deve riallacciare subito il filo con la vittoria, come è stato nell’ultima gara di Assen.

Pecco Bagnaia (LaPresse)

Il torinese ha da scalare un Mortirolo, per fare paragoni con altri sport, e anche se la Desmosedici GP22 ha dimostrato di essere la più completa, battere Quartararo sarà complicato. Lui però non molla, come ha fatto un anno fa fino a quando la matematica non gli ha detto chiaramente che non poteva più farcela.

Non lo fa perché fin dal suo esordio in Moto3 ha potuto contare su un grandissimo esempio, quello di Valentino Rossi che la ha voluto nel suo gruppo quando era ancora ragazzino. Lo ha fatto debuttare nel CEV e poi con il team Aspar, poi nel team VR46 ha vinto anche il Mondiale 2018 della Moto2 e dopo il salto in MotoGP ha già conquistato sette successi.

Pecco Bagnaia svela il suo segreto vincente: incontrare Valentino gli ha cambiato la vita

Per il titolo ancora non basta, ma Pecco sente di essere sulla strada giusta. Anche perché ha avuto un ottimo maestro e i suoi consigli sono stati preziosissimi, come ha confessato a GP Racing, soprattutto per la testa: “Quando mi arrabbio faccio un respiro profondo e cerco di liberarmi della frustrazione. Me lo ha insegnato Valentino. Anni fa, mi servivano ore per riuscirci, ora è più veloce anche se non è facile”.

Bagnaia
Bagnaia, la rincorsa al Mondiale continua (ANSA)

E ancora una volta ha raccontato il cambio di vita importante fatto perseguire i suoi sogni. A 16 anni ha lasciato la famiglia a Chivasso, si è trasferito a Pesaro cominciando a vivere da solo, ha condiviso il primo appartamento con Lorenzo Baldassarri (che corre in Moto2) ed è maturato. “Prima ero solo un bambino. L’Academy mi ha aiutato molto a crescere. Grazie a Valentino sono diventato più maturo e migliore a tutti i livelli, ho capito cosa era più importante per la mia vita.