Campioncino pronto all’esordio, Allegri ci pensa

147

Massimiliano Allegri in questi mesi ha attinto dal lavoro del settore giovanile come pochi altri allenatori, in virtù del fatto che la materia prima e’ di pregevole fattura. Il lavoro svolto sul bacino dei giovani in giro del il mondo ha portato la formazione bianconera ad avere sotto i riflettori più di qualche giovane. Da Yildiz a Mancini passando per Turco. Quest’ultimo, classe 2004 nativo di Tortona, finora ha stupito tutti. capacità tecniche elevate, alto e longilineo riesce a dare il suo contributo in maniera efficace ogni qual volta è chiamato in causa. 

Leggi anche: Juve, hai perso un gioiellino da Nazionale: ride Grosso

17 presenze in tutte le competizioni, 1.076 minuti giocati, 8 gol e 6 assist. Numeri che parlano di un  ragazzo che anche in fase di costruzione del gioco c’è e si fa notare. Il 2022 è stato un anno di dolore e gioia perché come spesso accade il successo arriva dopo una grande delusione. Nei primi giorni dell’anno un infortunio: la risonanza magnetica è chiara, lesione del retto femorale e due mesi di stop. La stagione termina pensando alla prossima, ed è la scelta giusta. L’inizo di questo campionato dicevamo parla per lui. Montero se lo gode sapendo che prima o poi a parlare di lui sarà anche Max Allegri.