Polverone in Red Bull: attacco a Perez

Si è alzato un vero e proprio polverone in casa Red Bull per quanto riguarda la vicenda che vede come assoluto protagonista Sergio Perez 

Nel mondo della Formula 1 si sta parlando molto dell’attacco che è stato fatto nei confronti di Sergio Perez, compagno di team del campione del Mondo Verstappen. Il messicano, infatti, è stato attaccato da parte di un suo collega che non gliele ha mandate assolutamente a dire.

Norris contro Perez
Che bordata nei confronti di Sergio Perez – Sportitalia.it (Foto LaPresse)

Un parere a dir poco critico nei confronti del nativo di Guadalajara. Il tutto è accaduto poco dopo l’ultimo Gran Premio che si è svolto negli Emirati Arabi Uniti, precisamente in quel di Abu Dhabi, dove ha visto come vincitore il “solito” Max Verstappen.

Non si sono fatte assolutamente attendere le pesanti accuse che sono arrivate proprio dal collega di Sergio Perez. Da come avete ben potuto intuire dalla foto stiamo parlando di Lando Norris della McLaren. Quest’ultimo, infatti, si è voluto soffermare sul contatto che ha avuto in pista con il messicano 33enne. Parole che sono arrivate direttamente in conferenza stampa e che hanno fatto inevitabilmente rumore.

Perez, che attacco del collega: accuse pesanti di Norris

Su quell’episodio Norris ha specificato che quel contatto non lo ha affatto sorpreso. Segno del fatto che se lo aspettava eccome. Tanto da accusarlo di andare in contatto sempre con chiunque. Ed è per questo motivo che gli ha lasciato molto spazio in quella occasione. Poi ha continuato dicendo: “Fortunatamente, alla fine non ha avuto un impatto significativo sulla mia gara“.

Norris contro Perez
Lando Norris molto critico su Sergio Perez – Sportitalia.it (Foto LaPresse)

Di conseguenza, però, ha parlato anche dell’ultima gara stagionale che ha effettuato la sua scuderia, vale a dire la McLaren. In merito a ciò ci ha tenuto a ribadire che si è trattata di una gara molto difficile visto che si trattava dell’ultimo impegno dell’anno e che, molto probabilmente, non avevano il ritmo necessario per poterla affrontare. “Abbiamo lottato e ci mancava circa un decimo e mezzo a giro per stare al passo con le vetture davanti, ma non siamo riusciti a colmare quel gap“.

Nonostante tutto, però, Norris ha espresso la più totale soddisfazione per questo obiettivo raggiunto dalla propria squadra. Non ha fatto nascondere la sua felicità nel battere una rivale come Aston Martin per quanto riguarda la classifica costruttori. Un obiettivo che è stato raggiunto e che, di conseguenza, è stato realizzato. Ora testa alla prossima stagione, quella del 2024.