Sainz penalizzato, l’annuncio lascia di sasso i tifosi Ferrari

L’ex velocista Derek Warwick ha esposto con un’eleganza misurata i contorni di quella sanzione avvolta dall’ombra della controversia

Sono passate diverse settimane ma ancora vibrano echi di ingiustizia, come un antico respiro gelido che scorre attraverso il consesso di coloro che detengono il potere giudiziario. Il ferrarista Carlos Sainz, incolpato si è trovato di fronte a un verdetto che pare sfidare le stesse leggi dell’equità.

L’amara ammissione di Derek Warwick: l'annuncio sul caso Sainz
Carlos Sainz si è ritrovato suo malgrado coinvolto (foto LaPresse) Sportitalia.it

Il capitolo più controverso e discusso dell’ultima fase di stagione di F1 si è svolto nel teatro d’asfalto delle Prove Libere del Gran Premio di Las Vegas. Sul circuito cittadino della Strip, dove le luci accecanti della città del peccato si fondono con il frastuono dei motori, si è dipanato un evento che ha scombussolato le fondamenta della giustizia sportiva.

Nella penombra di quel circuito urbano, un tombino si è insospettabilmente sollevato dal suolo, innescando una catena di eventi nefasti. Il destino, nascosto tra le pieghe del tracciato, giocava la sua partita, e Carlos Sainz, pilota della Ferrari, si è trovato involontario protagonista.

Il momento critico si è materializzato poco prima del passaggio del bolide rosso, quando il tombino si è alzato. La Ferrari di Sainz è stata colpita nel cuore della velocità, scatenando il caos e lasciando dietro di sé i segni di una colpa non cercata. Il senso di ingiustizia permeava l’aria, avvolgendo il pilota spagnolo in una trama intricata di sfortune e sospetti.

L’amara ammissione di Derek Warwick: l’annuncio sul caso Sainz

Così, sul viale delle illusioni luminose di Las Vegas, la Ferrari di Sainz subiva danni irreparabili, e il verdetto di quell’incidente lasciava dietro di sé un retrogusto amaro di ingiustizia. Il pilota numero 55, vittima di un incidente che non portava il suo nome, si pensava venisse risparmiato dalla fredda lama della penalità.

Contrariamente alle aspettative, la Commissione, come un giudice implacabile, ha deciso di gettare un’ombra sulla reputazione del ferrarista. La retrocessione di dieci posizioni in griglia si è abbattuta sullo spagnolo, generando un malcontento profondo e palpabile.

L’amara ammissione di Derek Warwick: l'annuncio sul caso Sainz
La Ferrari non riesce a uscire dal vortice funesto (foto LaPresse) Sportitalia.it

La rabbia, come un fulmine nel cuore del pilota, si diffuse nell’aria densa del paddock, mentre il marchio della disapprovazione si stagliava come un segno indelebile nei corridoi della scuderia Ferrari.

Ai recenti Autosport Awards, l’immarcescibile Derek Warwick, chiamato a fungere da giudice insieme a tre altri colleghi, ha rievocato l’episodio, gettando luce su una decisione che pesava come un’ombra lunga e sinistra sulla competizione.

Nell’atmosfera intrisa di tensione, il vincitore della 24 Ore di Le Mans 1992 ha riconosciuto l’iniquità, confessando che le regole vigenti li hanno costretti a una sentenza che il cuore avrebbe preferito evitare.

L’ex pilota, tra le pieghe delle sue parole, ha fatto trasparire che la penalità a Las Vegas si è insinuata come un’ombra erronea. Ma questa confessione porta con sé la tragica consapevolezza dell’inevitabilità: “La penalità che abbiamo dovuto dare a Sainz a Las Vegas, ci è sembrata sbagliata, e lo è stata, abbiamo lavorato molto duramente perché non accadesse, ma sono le regole“, ha sospirato quasi come un lamento per la giustizia sacrificata sull’altare delle regole inesorabili.