Valentino Rossi ha trovato l’erede: “Quest’anno è stato pauroso”

323

Valentino Rossi ha trovato l’erede: “Quest’anno è stato pauroso”. Tra una settimana il ‘Dottore’ saluterà tutti e lascerà il suo trono

Valentino Rossi a Portimao (Getty Images)

Tra una settimana la magia finirà e 26 anni di carriere diventeranno una festa da celebrare con tutto il paddock. Valentino Rossi sta chiudendo la sua stagione più difficile, anche oggi a Portimao scatterà dalle retrovie ma non ha perso il sorriso. E nel frattempo ha anche incoronato il suo erede.

Quello che ha fatto ‘Pecco’ Bagnaia nella seconda parte della stagione con la sua Ducati Desmosedici è impressionante e lo riconosce pure lui: “Quest’anno è stato pauroso. Con cinque pole di fila ha pareggiato un mio record che ho fatto due volte. Spero che a Valencia non si ripeta, così non mi frega”.

Valentino sottolinea il grande salto in avanti fatto dal pilota torinese, un talento che lui coltiva da otto anni, perché tra i ducatisti è quello che ha saputo sfruttare meglio la moto. “Mi dispiace, perché poteva lottare per il Mondiale se partiva più convinto. Però è pronto per l’anno prossimo“.

Pecco Bagnaia (Getty Images)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> MotoGP Algarve, Ducati fa il vuoto: Bagnaia e Miller davanti a tutti

Valentino Rossi ha trovato l’erede e anticipa che avrà un ruolo inedito per lui

A Misano dopo la gara bella e sfortunata terminata con una caduta quando era primo, Bagnaia aveva riconosciuto che avrebbe dovuto dare retta al suo mentore. Rossi gli aveva consigliato la gomma dura davanti, lui ha fatto una scelta diversa e nel finale l’ha pagato. E qui in Portogallo? “Ha provato sia la media che la dura ed è stato veloce con entrambe. Spero che questa volta faccia la scelta giusta, perché penso che sia il più veloce questo weekend” dice Rossi.

Valentino Rossi
Valentino Rossi (Getty Images)

E poi spiega quello che potrebbe essere il suo ruolo nella prossima stagione accanto ai piloti del Team VR46: “Sono sempre stato il loro coach e l’anno prossimo avrò più tempo. Mi piacerebbe aiutarli per quello che posso, per loro comunque ci sarò sempre anche se non penso che andrò a tutte le gare”.