Qualificazioni Mondiali 2022: Italia e non solo, le altre Nazionali a “rischio”

254

Qualificazioni Mondiali, a novembre le ultime due giornate della fase a gironi della zona europea che decreteranno le prime classificate che accederanno direttamente a Qatar 2022. Spareggi per le seconde. La situazione

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo (La Presse)

Tra giovedì 11 e martedì 16 novembre, le ultime due giornate della fase a gironi delle Qualificazioni ai Mondiali 2022 per la zona europea. Finora solo Danimarca e Germania hanno ottenuto il pass per il Qatar. Situazione ancora incerta in molti gironi, compreso quello dell’Italia attesa dallo scontro diretto a Roma con la Svizzera.

Gli azzurri di Mancini, campioni d’Europa in carica, condividono la vetta del Girone C con la Svizzera a pari punti ma con una migliore differenza reti (+11 contro +9). Per evitare calcoli e qualificarsi da prima del girone, l’Italia deve battere gli elvetici venerdì 12 novembre all’Olimpico e l’Irlanda del Nord all’ultima giornata.

Gli azzurri passerebbero anche con una vittoria contro la Svizzera e un pari con gli irlandesi oppure con due pareggi (con l’eventuale pari della Svizzera contro la Bulgaria all’ultimo turno) sempre mantenendo una migliore differenza reti. Nel caso di ko con gli elvetici, l’Italia deve battere l’Irlanda del Nord e sperare in una sconfitta dei rivali. Anche in questo caso, con un arrivo a pari punti, la differenza reti risulterebbe discriminante per decretare la prima classificata che accede a Qatar 2022.

LEGGI ANCHEItalia-Svizzera, due possibili defezioni per Mancini

Qualificazioni Mondiali 2022, la situazione negli altri gironi

Oltre all’Italia anche altre Nazionali top europee rischiano di non vincere il proprio girone di qualificazione. Ecco la situazione dei singoli gruppi.

Girone A: La Serbia ha un punto di vantaggio sul Portogallo ma con un match in più disputato. Cristiano Ronaldo e compagni affronteranno l’Irlanda a Dublino al penultimo turno con i balcanici a riposo. Anche in caso di sorpasso, tutto si deciderà con lo scontro diretto di domenica 14 novembre al Da Luz di Lisbona.

Girone B: Rischia tantissimo la Spagna, distanziata di due punti dalla Svezia a parità di partite. Alla penultima, Georgia-Svezia e Grecia-Spagna con gli ellenici di fatto fuori anche dalla lotta per il secondo posto. Se le distanze dovessero rimanere invariate oppure in caso di aggancio della Spagna, decisivo sarà lo scontro diretto di domenica 14 a Siviglia.

Girone D: Alla Francia campione in carica, prima con tre punti di vantaggio sull’Ucraina ma con una gara in meno, basta una vittoria in casa con il Kazakhstan per il primo posto. Ucraina, Finlandia e Bosnia si contendono il secondo posto.

Italia Spagna
(Getty Images)

Girone E: Quasi fatta per il Belgio cui basta anche un pari con l’Estonia per il pass. All’ultima, De Bruyne e compagni affronteranno il Galles a Cardiff e potrebbero decidere anche la lotta per il secondo posto che coinvolge la Repubblica Ceca al momento a pari punti con i Dragoni.

Girone F: Danimarca qualificata con due giornate di anticipo grazie a 8 vittorie consecutive. La Scozia è seconda con quattro punti di vantaggio su Israele. Vincendo in Moldova al prossimo turno, gli scozzesi si garantirebbero lo spareggio

Girone G: Olanda avanti con due punti di vantaggio sulla Norvegia. Gli oranje dovranno vedersela con il Montenegro mentre gli scandinavi con la Lettonia. All’ultima scontro diretto decisivo a Amsterdam con la Turchia che, battendo Gibilterra e Montenegro, potrebbe anche superare la Norvegia ora al secondo posto a +2.

Girone H: Russia avanti di due punti sulla Croazia a parità di partite. Alla penultima giornata, le distanza dovrebbero rimanere invariate con Russia-Cipro e Malta-Croazia. All’ultima scontro diretto a Zagabria per il verdetto definitivo.

Girone I: L’Inghilterra deve vincere con Albania e San Marino per conservare tre punti di vantaggio sulla Polonia attesa da Andorra e Ungheria.

Girone J: Germania qualificata. Bagarre per il secondo posto con Romania a 13, Macedonia e Armenia a 12. Lo scontro diretto tra Macedonia e Armenia alla penultima potrebbe essere decisivo mentre la Romania è attesa da Islanda e Liechtenstein già eliminati.