Juventus, che mazzata per Allegri: un titolarissimo fuori due mesi

170

Juventus, che mazzata per Allegri: un titolarissimo fuori due mesi. La rimonta scudetto passa anche dall’infermeria sempre piena

Una combinazione di risultato che rilancia le ambizioni in classifica e una prestazione finalmente confortante in tutti i reparti. La Juventus è tornata dalla trasferta all’Olimpico romano con molte più certezze, ma anche con la convinzione che la sfortuna si stia accanendo sulla rosa di Allegri.

Danilo Ji è fatto male contro la Lazio: ecco il responso (LaPresse)

Come se non bastassero tutti gli infortuni affrontati fino ad oggi, c’è un nuovo capitolo aperto. Danilo è infatti uscito prima della fine per un problema muscolare apparso fin da subito piuttosto grave. Questa mattina il difensore brasiliano è stato sottoposto agli accertamenti del caso al ‘J Medical’ di Torino e il responso è chiaro.

Lesione di medio grado del muscolo adduttore lungo della coscia sinistra. I tempi di recupero sono di circa 8 settimane”, è scritto sulla nota ufficiale della Juventus. In concreto significa che non lo rivedremo in campo se non a metà gennaio, praticamente alla fine del girone d’andata. E salterà anche la Supercoppa Italiana contro l’Inter a San Siro. Un problema in più per il tecnico che finora ha sempre avuto gli uomini contati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Milan nei guai, che tegola per Pioli: un big fuori fino a gennaio

Juventus, che mazzata per Allegri: il calendario però sorride all’allenatore

Nella conferenza stampa che precede il viaggio a Londra per affrontare il Chelsea in Champions, domani sera, Allegri ha fatto il punto sugli infortunati. “Danilo purtroppo starà fuori due mesi, mentre Chiellini rientra in gruppo mercoledì e De Sciglio con l’Atalanta o nella gara successiva. Dybala non so se ha minuti nelle gambe, non gioca da un po’, comunque è convocato. Bernardeschi invece ne avrà ancora per un po’”.

Juventus
Juventus, infermeria piena ma classifica che sorride (LaPresse)

Guardando però la parte piena del bicchiere, il tecnico juventino può sorridere. Perché da qui alla fine dell’anno ci sarà solo un ostacolo importante, l’Atalanta all’Allianz Stadium nel prossimo turno. Ma poi una serie di partite abbordabili: la trasferta di Salerno, la gara interna con il Genoa, poi Venezia-Juventus, l’impegno a Bologna e infine Juventus-Cagliari.