Jannik Sinner, arriva la consacrazione: momento magico per il talento azzurro

157

Jannik Sinner, arriva la consacrazione: momento magico per il talento azzurro. Il ventenne tennista altoatesino è pronto per la Coppa Davis

Jannik Sinner
Jannik Sinner (La Presse)

E’ un momento magico per il tennis italiano, grazie soprattutto all’esplosione definitiva di Jannik Sinner. Il ventenne talento altoatesino in questa stagione ha compiuto un primo vero salto di qualità vincendo la bellezza di quattro tornei del circuito ATP e arrivando in finale nel prestigioso Masters 1000 di Miami. Risultati straordinari che gli hanno consentito di agganciare la decima posizione nel Ranking ATP e di guardare al futuro prossimo con una buona dose di ottimismo. In questo 2021 non dobbiamo però dimenticare la grande impresa compiuta da Matteo Berretini che, primo italiano nella storia, ha conquistato la finale al torneo di Wimbledon.

LEGGI ANCHE>>>Ranking ATP, Sinner di nuovo sugli scudi: la classifica dopo le Finals

LEGGI ANCHE>>>Atp Finals, Medvedev piega un grande Sinner: tie break decisivo per il russo

Ma nell’arco della stagione il più continuo dei due in termini di presenze e risultati è stato probabilmente proprio Sinner che infatti si è guadagnato il premio di miglior giocatore dell’anno. Il giovane altoatesino ha conquistato l’ambito riconoscimento alla vigilia dell’ultimo grande impegno della stagione, la Coppa Davis. Venerdì prossimo, 26 novembre, la nazionale italiana di tennis capitanata da Filippo Volandri scenderà in campo a Torino contro gli Stati Uniti. I presupposti per far bene ci sono, al netto della grave assenza per infortunio di Matteo Berrettini.

LEGGI ANCHE>>>Jannik Sinner confessa il suo rimpianto più grande: “Ho sofferto tanto”

Sinner
Jannik Sinner (Foto: LaPresse)

Sinner, dopo il premio c’è la Coppa Davis: “Berrettini ci mancherà ma siamo forti lo stesso”

In mancanza del finalista di Wimbledon, sarà proprio Jannik Sinner a guidare i compagni verso una qualificazione al turno successivo difficile ma non impossibile: “Sicuramente Matteo ci mancherà e le sfide che ci attendono saranno dure, ma non ci sono tanti Paesi che hanno un gruppo unito come il nostro: l’Italia è una squadra incredibile, in cui ognuno vuole dare il meglio di sè e aiutare i propri compagni“.