Matteo Berrettini ha un grande obiettivo: “Devo credere di potercela fare”

766

Matteo Berrettini ha un grande obiettivo: “Devo credere di potercela fare”. Il tennista romano è guarito e guarda con ottimismo al futuro

Doveva essere l’incontro più atteso nel girone di qualificazione delle Nitto ATP Finals di Torino ma l’infortunio subito contro Zverev ha cancellato tutto. Ora però Matteo Berrettini è rientrato, fisicamente sembra a posto re sulla sua strada ha trovato di nuovo Daniil Medvedev che nell’ATP Cup l’ha battuto al terzo set.

Berrettini
Matteo Berrettini (ANSA)

Il tennista romano è uscito comunque con il sorriso perché sente di aver poco alla volta ritrovato la sua forma: “Ho giocato contro uno dei migliori al mondo ed è fra i favoriti per vincere anche l’Australian Open. Mi servono incontri come questi per migliorare e la prossima volte che ci affronteremo spero sia quella buona”.

Ma soprattutto può pensare con ottimismo a quello che succederà tra meno di due settimane: “Credo ci siano tanti giocatori che possono vincere gli Australian Open e in quel gruppo includerei anche me stesso. Devo credere di potercela fare. Zverev sta giocando davvero bene, Tsitsipas sta migliorando, Sinner sta giocando un ottimo tennis. Ci sono tanti giocatori che possono vincere, credo sia una gran cosa”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Australian Open, mazzata terrificante per Djokovic: la decisione definitiva

Matteo Berrettini ha un grande obiettivo: le sue parole sul caso Djokovic

Berrettini fa il nome di tutti, ma non quello di Nole Djoikovic che rischia seriamente di essere rimandato a casa se entro domenica sera un giudice non deciderà diversamente. Il caso della sua esenzione medica per avere accesso agli Australian Open sta dividendo il mondo dello sport ma sono moltissimi quelli che lo hanno attaccato.

Nole Djokovic

Matteo che ne pensa? “Provo empatia nei confronti di Novak, nessuno vorrebbe trovarsi in una situazione di questo tipo. Però capisco benissimo perché il popolo australiano si senta in questo modo, Melbourne ha avuto il lockdown più lungo del mondo. Trovo molto difficile commentare questa situazione. Però quello che posso dirvi è che sono vaccinato e sono qui ora vedremo come si evolverà il caso”.