Serie A a rischio fallimento: il grido di allarme del supermanager

446

La situazione del calcio italiano è drammatica soprattutto a causa della pandemia e la Serie A Corre il rischio di fallire

É di pochi giorni fa la richiesta dell’amministratore delegato della Lega calcio di Serie A Luigi De Siervo ai calciatori del massimo campionato di tagliarsi almeno un mese di stipendio per andare incontro alle esigenze finanziarie dei club.

Diritti Tv
Serie A, i conti non tornano (Foto: Getty)

Che la situazione economica del nostro calcio non sia buona è evidente. Ma oggi la dose viene rincarata niente meno che da Beppe Marotta, amministratore delegato dell’Inter.

Serie A, il rischio è il fallimento

Nel corso di una lunga intervista esclusiva rilasciata all’autorevole Il Sole 24 Ore, Marotta traccia un quadro drammatico nelle condizioni della Serie A, chiedendo con urgenza interventi e riforme anche da parte del governo.

La pandemia, in particolare con le ultime norme che hanno ulteriormente ridotto tempi e modi dell’ingresso agli stadi, ha messo tutto lo sport italiano in ginocchio gli aiuti non sono stati adeguati: “Sicuramente ci saremmo aspettati più considerazione da parte del governo con la legge di bilancio e l’ultimo decreto ristori che al calcio riconosce davvero pochissimo dopo mesi di emergenza e di enorme difficoltà” dice Marotta, che fa riferimento ai provvedimenti di altri paesi (Regno Unito, Germania e Francia per esempio) che hanno usufruito di aiuti molto più sostanziali.

Marotta chiede aiuto al Governo

Il rischio è che il sistema economico su cui si basa il calcio italiano vada all’aria. Marotta parla apertamente di default: “Prima della pandemia il giro d’affari del calcio italiano superava i quattro miliardi e ne garantiva all’erario almeno 1.2. Oggi molte sponsorizzazioni sono scomparse, altre si sono considerevolmente ridotte. Senza contare le normative che nel nostro paese sono più restrittive rispetto ad altri paesi UEFA: In Italia, per esempio, sono vietate le sponsorizzazioni delle aziende multinazionali legate alle scommesse”.

LEGGI ANCHE > Sadio Mané, gol e ospedale per il bomber di Senegal e Liverpool

Beppe Marotta amministratore delegato dell’Inter (Getty Images)

LEGGI ANCHE >Coppa d’Africa, tragedia allo stadio: morti e feriti durante il match

I sacrifici dei club potrebbero non bastare: “Molto si sta facendo, riducendo i costi, in modo particolare quelli degli ingaggi. Ma tagli eccessivi finiranno per rendere il nostro campionato meno interessante per i calciatori e dunque perderemo sicuramente delle quote di mercato. Ci aspettiamo un aiuto serio e concreto da parte del governo un programma economico e finanziario di rilancio della serie A che non può più attendere e che da urgenza è diventato emergenza”.