Crollo Napoli: la società cambia tutto, decisione shock

378

Clima pesantissimo per il Napoli dopo la pesante sconfitta contro l’Empoli

Sono bastati sette minuti al Napoli per sprofondare da un sogno scudetto all’incubo di un terzo posto gonfio di rimpianti.

Empoli Napoli Spalletti
Luciano Spalletti, cammino scudetto ormai compromesso (Foto ANSA)

In tre settimane il Napoli ha raccolto un solo punto fallendo tutte le partite decisive per mantenersi al vertice della classifica. E ora la situazione è diventata pesantissima.

Napoli, clima pesante

Dopo la sconfitta contro l’Empoli, che si è concretizzata dallo 0-2 al 3-2 in otto sciagurati minuti con i tre gol dei padroni di casa, gli oltre 4mila tifosi del Napoli che si erano recati in Toscana hanno contestato la squadra in modo molto vivace. E mentre l’Empoli, che non vinceva da quattro mesi, festeggiava sotto la curva, il Napoli tornava a testa bassa negli spogliatoi.

Ritiro a tempo indeterminato

Voci di corridoio parlano di clima pesantissimo, anche di qualche discussione. Forse anche per questo Luciano Spalletti si è preso la responsabilità di uscire allo scoperto davanti alle telecamere e di assumersi ogni responsabilità di questi ultimi risultati negativi che hanno compromesso una potenziale corsa allo scudetto, in un testa a testa con Inter e Milan.

Le voci di un possibile esonero di Spalletti sono immediatamente rimbalzate sui social: ma a quanto pare, almeno per ora, il club azzurro ha deciso di confernmare il tecnico mettendo i giocatori di fronte alle loro responsabilità. La squadra andrà in ritiro permanente, a tempo indeterminato. Una vera e propria punizione che costringerà i giocatori a riunirsi, parlarsi, allenarsi e capire il momento che la squadra sta vivendo.

Empoli Napoli
Musi lunghi e clima teso nello spogliatoio del Napoli dopo la sconfitta di Empoli (Foto ANSA)

Inutile il tentativo dei giocatori del Napoli di avvicinarsi ai tifosi giunti ad Empoli per scusarsi. Persino Mertens e Insigne sono stati invitati con gesti molto eloquenti ad andarsene. Tanti gli insulti in un clima pesantissimo che ora rischia di farsi ancora più serio al rientro della squadra a Napoli, questa sera.

Domani giornata di riposo. Il Napoli martedì si presenterà al centro Paradiso dove resterà fino alla gara in programma domenica prossima alle 15, al Maradona, contro il Sassuolo.