Juventus Femminile, filotto di trofei: vinta anche la Coppa Italia

134

La Juventus femminile conquista anche la Coppa Italia battendo in finale la Roma 2-1

Si chiude in modo trionfale la stagione della Juventus femminile di calcio che dopo la vittoria del quinto scudetto consecutivo e della terza Supercoppa, anche questa consecutiva, alza anche la Coppa Italia.

Coppa Italia femminile Juventus
Sara Gama alza la seconda Coppa Italia nella storia della Juventus

Le campionesse d’Italia, allenate per la prima stagione dall’australiano Joe Montemurro, hanno battuto in finale le campionesse uscenti della Roma, 2-1 virgola in rimonta, al termine di una partita splendida, vibrante ma soprattutto ben giocata.

Juventus- Roma 2 1, Coppa Italia femminile

Di fronte non solo la squadra campione in carica e quella che si era appena assicurata lo scudetto. Ma sicuramente le due migliori formazioni viste nell’arco dell’intera stagione. Quelle che rappresenteranno l’Italia alla prossima edizione della Champions League che la Roma raggiunge per la prima volta nella sua storia dopo lo splendido secondo posto in campionato alle spalle delle bianconere.

La partita

Gara estremamente aggressiva da parte della Roma che, fin dall’inizio, prende possesso del centrocampo cercando di chiudere tutte le fonti di gioco avversario. Una tattica che la squadra di Spugna ha dimostrato di sapere applicare perfettamente nel corso della stagione e che ha abbondantemente ripagato. Tanta fatica, tanto forcing. Ma nel primo tempo si vede quasi esclusivamente la Roma vicina al gol in un paio di occasioni e in vantaggio grazie al calcio di rigore trasformato da Andressa.

Le giallorosse proseguono sulla stessa lunghezza d’onda anche il secondo tempo e hanno il torto di fallire la clamorosa palla gol del KO con Haavi, costringendo peraltro il portiere della Juventus Peyrayd Magnin a un paio di interventi che al termine della partita risulteranno determinanti. Poi, con la Juventus totalmente proiettata in avanti e la Roma decisamente in affanno dopo un’ora di gioco estremamente dispendioso, la partita cambia. Bonfantini in contropiede viene estesa da Di Guglielmo in piena area di rigore. Penalty ed espulsione: è la svolta del match. Girelli trasforma il calcio di rigore e, quattro minuti dopo, Sara Gama con un tiro leggermente deviato, concretizza la vittoria del triplete juventino.

Onore al merito di una Roma splendida, sicuramente all’altezza delle aspettative. Ma non ancora forte abbastanza da impedire alla Juventus di vincere tutto quello che in Italia c’è da vincere. Campionato, Supercoppa, Coppa Italia, un triplete nazionale che la Juventus concretizza per la prima volta nella sua storia.

I tifosi della Juventus femminile festeggiano la squadra fuori dallo stadio