Vincenzo Nibali pronto all’attacco: il messaggio dal Giro d’Italia fa impazzire i fan

239

Vincenzo Nibali pronto all’attacco: il messaggio dal Giro d’Italia fa impazzire i fan. Comincia la settimana decisiva anche per il messinese

L’ultimo giorno di riposo prima di attaccare sei giorni di fuoco. Il Giro d’Italia 2022 ripartirà martedì 24 maggio con una tappa già decisiva, all’Aprica, e con Richard Carapaz in rosa. Ma anche con Vincenzo Nibali che culla un grande sogno.

Vincenzo Nibali
Vincenzo Nibali (LaPresse)

Dopo il Blokchaus sembrava che il 37enne messinese potesse recitare solo un ruolo da comprimario in questo suo ultimo Giro. Negli ultimi giorni però la condizione fisica è cresciuta, come il morale, e Vincenzo è ancora nelle zone nobili della classifica. Deve rimontare quasi 3 minuti a Carapaz, terreno per farlo ce ne sarà in abbondanza e lui nelle ultime settimane dei Grandi Giri è sempre andato forte.

“Mi sono accorto che rispetto alla prima settimana sto meglio. Purtroppo, la mia stagione è partita in ritardo a causa del Covid – ha spiegato dopo la tappa di Cogne – e quindi sono arrivato un po’ in ritardo di condizione alla partenza di questo Giro. Ma adesso voglio provare a lasciare il segno. Non è facile perché tutti mi conoscono, ma qualcosa farò”.

Vincenzo Nibali pronto all’attacco: ecco come sarà l’ultima settimana del Giro d’Italia

Il primo terreno buono per attaccare arriverà subito, con la Salò-Aprica di 202 km. Dopo una trentina di km il GPM di 1^ categoria di Goletto di Cadino (20 km al 6,2%), ideale introduzione per il Mortirolo (12,6 km al 7,6% con punte del 16%). Poi lo strappo di Teglio e l Valico di Santa Cristina (13,5 km all’8%). L’arrivo è in discesa, ma c’è tanta salita prima.

Altra tappa dura, il 25 maggio, è la Ponte di Legno-Lavarone (168 km) con il Passo del Tonale, il passaggio a Palù di Giovo (casa Moser) e un versante inedito del Passo del Vetriolo e la salita del Menador. Si rischia un arrivo uno alla volta. Il 26 maggio spazio ai velocisti con la Borgo Valsugana-Treviso (151 km) ma poi la strada salirà ancora.

Giro d’Italia 2022 (LaPresse)

Venerdì 27 maggio c’è la Marano Lagunare-Santuario di Castelmonte (177 km). Dopo lo
sconfinamento in Slovenia ci sarà la scalata all’inedito Monte Kolovrat (10 km al 10%) con l’arrivo in salita sul Santuario di Castelmonte. Infine il tappone dolomitico, con la
Belluno-Marmolada (Passo Fedaia) (167 km). basta citare le salite: Passo di San Pellegrino, con pendenze al 15%, Passo Pordoi che è la Cima Coppi a quota 2236 e il Passo Fedaia, con punte al 18%e una media superiore al 10%. Infine la Verona-Verona cronometro individuale di 17,1 km.