Benzema e il caso Valbuena: la rinuncia improvvisa sorprende tutti

216

Benzema e il caso Valbuena: la rinuncia improvvisa sorprende tutti. Il 35enne centravanti francese, candidato principe al Pallone d’Oro, era coinvolto nel processo come imputato

Karim Benzema è il calcitore del momento. Il 35enne centravanti francese in questa stagione a dir poco straordinaria sia a livello individuale che per i successi ottenuti con il Real Madrid ha offerto una serie di prestazioni monumentali, realizzando gol di fondamentale importanza per le merengues e imponendosi come il giocatore dal più alto rendimento in Europa.

Ventisette gol in campionato, addirittura quindici in Champions League: Benzema è stato l’autentico leader e trascinatore delle squadra di Carlo Ancelotti che dopo la finale di Champions vinta contro il Liverpool ne ha sponsorizzato la candidatura alla conquista dell’ambito pallone d’oro.

Benzema
Karim Benzema (LaPresse)

Ma il 34enne attaccante cresciuto a Lione in questi giorni ha probabilmente risolto una volta per tutte un processo che lo ha visto salire sul banco degli imputati e che in Francia ha avuto una vasta eco.

Stiamo parlando del cosiddetto processo Valbuena, l’attaccante francese e compagno di Nazionale che Benzema avrebbe in qualche modo ricattato a causa di un video hard, con lo stesso Valbuena protagonista, finito in mano a un manipolo di delinquenti.

Karim Benzema rinuncia al processo d’appello nel processo Valbuena

Benzema
Karim Benzema (LaPresse)

Ebbene, la notizia del giorno relativa proprio alle ultime fasi del processo del cosiddetto sextape, è che Karim Benzema avrebbe rinunciato all’appello. L’attaccante francese del Real Madrid, fresco vincitore della Liga e della Champions, favorito per il prossimo Pallone d’oro, ha annunciato che non si presenterà al processo davanti alla Corte d’Appello di Versailles in programma il 30 giugno e il primo luglio.

Il procedimento, iniziato ormai più di un anno fa, ha visto il bomber transalpino sul banco degli imputati per concorso in tentata estorsione ai danni dell’attaccante Valbuena. Benzema è stato condannato sei mesi fa, nel novembre scorso, a un anno di carcere con la condizionale, a una multa di 75mila euro e al risarcimento di 80mila nei confronti dell’ex compagno di Nazionale.

Dopo sei anni si chiude così la vicenda che tanto aveva fatto scalpore in Francia: la conferma del passo indietro da parte di Benzema è stata data dall’avvocato Hugues Vigier e sarà notificata alle parti dalla Corte di Versailles martedì.