Fernando Alonso, futuro deciso: “Ancora due anni e con me vorrei lui”

220

Fernando Alonso, futuro deciso: “Ancora due anni e con me vorrei lui”. Alla vigilia del GP di Baku, lo spagnolo esce allo scoperto

Non è il grande favorito per il Gran Premio di Baku, ma Fernando Alonso non si preoccupa. Perché in questa stagione con la Alpine ha già dimostrato di poter andare forte e lo farà anche in Azerbaigian, nonostante il suo futuro in Formula 1 sia ancora da scrivere.

Fernando Alonso (ANSA)

Intervistato dal ‘Corriere dello Sport’, il 41enne asturiano dimostra di avere idee molto chiare su quello che vuole, come sempre. Correrà con le monoposto almeno altri due anni, su questo non ci sono dubbi. E se Alpine dovesse farlo fuori per puntare sul giovane australiano Oscar Piastri (che però potrebbe partire con la Williams), cercherà un altro sedile con la Aston Martin in pole position.

Ma tutto sarà deciso dopo l’estate. E comunque, se fosse lui il team manager di una squadra non avrebbe dubbi. “Sceglierei me e Lewis Hamilton perché siamo quelli con più esperienza. Hamilton è in Mercedes da molti anni, io invece ero al debutto in McLaren. Ora Lewis si deve semplicemente riorganizzare, è arrivato un giovane che spesso è più veloce”. Succede anche a lui ma non si preoccupa, perché il presente è qui e il futuro sarà ancora con i motori. La Dakar è un conto rimasto in sospeso, tornerà per vincerla.

Fernando Alonso, futuro deciso: sta per cominciare un weekend speciale

Quello di Baku però per Fernando Alonso sarà un weekend speciale per tanti motivi. Su tutti, il record di longevità che sta per battere. Perché al momento Michael Schumacher è il primatista come giorni di presenza nel Circus:  7.763 giorni dal 25 agosto 1991, data del suo debutto nel GP Belgio con la Jordan, all’addio nel GP Brasile del 25 novembre 2012 con la Mercedes.

Fernando Alonso
Fernando Alonso a bordo della nuova Alpine Renault (Ansa)

Alonso invece aveva debuttato in F1 con la Minardi il 4 marzo 2001 e poi era passato alla Renault con la quale riuscì a diventare due volte Campione del Mondo prima della Ferrari e tutto il resto. Dopo la gara di domenica salirà in testa a questa speciale statistica con 7.770 giorni tra il primo e l’ultimo gran premio disputato. E quando arriveremo al 20 novembre, data in cui si correrà il GP di Abu Dhabi per chiudere il Mondiale 2022, saranno 7.931 giorni di carriera in Formula 1.