Calendario Formula 1, spunta un Gran Premio a sorpresa: tifosi euforici

122

Calendario Formula 1, spunta un Gran Premio a sorpresa: tifosi euforici. L’ad di Liberty Media, Stefano Domenicali, svela i piani per il futuro

Il Mondiale di Formula 1 non è ancora arrivata al suo giro di boa per questa stagione ma Liberty Media sta già ragionando sul futuro. E l’impressione è che la proprietà americana, con la benedizione della FIA, voglia sempre più circuiti cittadini e tante piste nuove in calendario.

Formula 1 (LaPresse)

L’ultima ipotesi, confermata dall’ad della Formula 1 Stefano Domenicali, arriva da una rivoluzione francese. Non quella del 1789, ma quella nel calendario perché da tempo il GP di Francia a La Castelllet è a rischio anche perché ai piloti piace poco. A sorpresa però spunta un’altra candidata che potrebbe sostituirlo senza uscire dai confini nazionali ed è Nizza.

Intervistato dal quotidiano francese ‘L’Equipe’, Domenicali è stato chiaro: “Forse non lo sapete, ma c’è un progetto straordinario con Nizza che vuole un Gran Premio. È fantastico perché dimostra che anche altre città transalpine sono interessate alla F1″. Non ci sono tempistiche precise, solo la volontà di portare le monoposto in Costa Azzurra per accendere una bella rivalità con Montecarlo e nel futuro sapremo.

Calendario Formula 1, spunta un Gran Premio a sorpresa: le gare sono destinate ad aumentare

Più in generale comunque il calendario della prossima stagione di Formula 1 sarà più ampio di quello attuale. Liberty Media vuole portarlo a 25 gare, praticamente quasi una ogni due settimane anche se spalmate in realtà su nove mesi, e ci sono tante piste nuove o che sono pronte a tornare e bussano alla porta degli organizzatori.

Domenicali ha confermato che il Sudafrica con lo storico circuito di Kyalami potrebbe rientrare dopo 30 anni. “Siamo un Campionato del Mondo e l’Africa non ha un posto in calendario al momento, quindi la situazione deve cambiare. Le discussioni stanno facendo progressi e credo che presto avremo una risposta. In più una gara in Africa mentre Lewis Hamilton è ancora presente sarebbe formidabile”.

Stefano Domenicali
Stefano Domenicali (LaPresse)

Inoltre nel novembre 2023 debutterà il circuito cittadino di Las Vegas, ci sarà il ritorno della Cina dopo la pandemia. Ma non sarà abbandonata l’Arabia Saudita come avevano chiesto in molti protestando contro chi governa il Paese asiatico. Gli interessi economici sono troppo forti per mollare, una quadratura si troverà.