Egan Bernal va più veloce del previsto: già fissato il suo ritorno alle gare

285

Egan Bernal va più veloce del previsto: già fissato il suo ritorno alle gare. Il campione colombiano in 5 mesi dal ritiro alla ripresa

Ora che il Tour de France 2022 sta per entrare nel vivo tutti i grandi favoriti poco alla volta dovranno uscire fuori. Tutti, ma ne manca uno, perché Egan Bernal che aveva messo la Grande Boucle come obiettivo primario della stagione è costretto a vederla solo in tv.

Egan Bernal (LaPresse)

Dopo il terribile incidente del 23 gennaio scorso sulle strade di casa, quando in allenamento ha centrato un bus fermo, sembrava che il campione colombiano non avrebbe nemmeno più camminato. Invece poco alla volta, prima con il busto e poi libero di muoversi ha ripreso a salire in bici e ora è sempre più vicino al ritorno alla normalità che per lui significa semplicemente gareggiare.

Tornato realmente in bici dallo scorso aprile il 25enne capitano della Ineos Grenadiers fa progressi giorno dopo giorno e per questo da martedì 5 luglio sarà ad Andorra. Sulle strade del Principato infatti nei prossimi giorni si alleneranno alcuni ciclisti che non sono impegnati in questi giorni al Tour o altre corse a tappe come Ethan Hayter, Pavel Sivakov e Laurens De Plus.

Egan Bernal va più veloce del previsto: ecco i suoi programmi per i prossimi mesi

Un gruppo non a caso, perché quello dovrebbe essere il gruppo scelto dalla Ineos per partecipare alla Vuelta a Espana, al via dal 19 agosto prossimo e ideale preparazione al Mondiale. Sembrava impossibile a fine gennaio, eppure anche Bernal potrebbe essere al via della gara a tappe spagnola.

Secondo ‘La Gazzetta dello Sport’ il rientro alle corse di Bernal potrebbe essere alla Vuelta Burgos, sempre in Spagna ad inizio agosto che sarà il suo vero banco di prova. se tutto dovesse andare bene, allora l’ipotesi di rivederlo alla Vuelta, anche se con possibilità remote di vittoria finale, crescerebbe.

Un piccolo miracolo sportivo considerando come era messo Egan Bernal ad inizio febbraio. Ma la volontà dello scalatore che è cresciuto in Italia con la Androni-Sidermec è incrollabile e lo ha dimostrato concretamente. Per il Giro ci sarà tempo, tra un anno proverà a tornare al Tour de France.