Automotive, via alla rivoluzione: la nuova sicurezza stradale sconvolge il mercato

206

Automotive, via alla rivoluzione: la nuova sicurezza stradale sconvolge il mercato. Dai primi di luglio, scatta l’introduzione di sistemi necessari all’incolumità degli automobilisti

Questo inizio di luglio 2022 sarà ricordato a lungo da tutti coloro che operano nel settore dell’automotive. Sia le case automobilistiche che gli utenti hanno a che fare in questi giorni con le nuove norme imposte dall’Unione Europa finalizzate a ridurre drasticamente il numero degli incidenti stradali.

Sicurezza
Sicurezza stradale (Ansa)

Si tratta di una vera e propria rivoluzione, una sorta di anno zero per la sicurezza stradale grazie a questo pacchetto di novità su cui tutti i cittadini hanno il dovere e il diritto di informarsi.

Di fatto in Europa sono entrate in vigore alcune regole che hanno lo scopo di limitare sempre più il numero di incidenti e vittime stradali che dovranno arrivare alla soglia del fatidico ‘zero’ per il 2050.

Un obiettivo particolarmente ambizioso su cui si sta già lavorando da tempo e che vivrà di uno step intermedio fissato per il 2038 quando le percentuali dovranno calare in modo significativo per salvare fino a 25 mila vite ed evitare 150 mila feriti gravi.

Scopriamo adesso nel dettaglio in cosa consistono i nuovi dispositivi di sicurezza che per le auto immatricolate dal 7 luglio 2024 saranno obbligatori su tutti i veicoli, compresi autobus, pullman, furgoni e camion.

Automotive, via alla rivoluzione: arrivano la scatola nera e l’alcolock

Sicurezza
Sicurezza stradale (Ansa)

Il primo dispositivo è una sorta di scatola nera, simile s quella degli aerei. Si tratta dell’Event Data Recorder, che registrerà velocità, frenata e inclinazione dell’automobile.

Ad usufruirne saranno esclusivamente le forze dell’ordine e della polizia che potranno ricostruire la dinamica degli eventi, per capire le cause che li hanno verificati e stabilire eventuali responsabilità. Questo sistema di analisi non potrà essere mai disattivato manualmente.

L’Unione Europa ha fatto passai avanti significativi anche nella prevenzione e nella tutela legate allo stato di guida dei conducenti. I controlli avverrano attraverso un sistema definito alcolock, una sorta di ‘lucchetto’ che dovrebbe prevenire la guida pericolosa per sè e per gli altri, in stato di ebbrezza.

Infine, sarà possibile guidare in modo più sicuro grazie al nuovo dispositivo di limitazione della velocità. Questo strumento innovativo si chiama Intelligent Speed Assistance (ISA) e si attiverà automaticamente all’accensione dell’auto avvisando il conducente ogni volta che toccherà il limite calcolato-