“Non riesco a lasciarmi andare”: Marcell Jacobs fa tremare i suoi fan

194

“Non riesco a lasciarmi andare”: Marcell Jacobs fa tremare i suoi fan. I Mondiali per il campione olimpico dei 100 cominciano in salita

Dopo la vittoria ai Mondiali Indoor nei 60 a marzo, a Marcell Jacobs non ne è andata una dritta. La gastroenterite quando doveva gareggiare a Nairobi, poi l’infortunio al bicipite sinistro e il problema al gluteo. Ecco perché le batterie dei Mondiali di Eugene erano importanti per lui ed è arrivata la prima risposta.

Marcell Jacobs a Eugene (ANSA)

Marcell è qualificato per le semifinali, nella notte italiane tra sabato e domenica, alle 3.14 mentre la finale sarà alle 4.50. Ha chiuso al secondo posto, con un 10.04 che eguaglia il tempo fatto segnare quest’anno al meeting di Savona. In semifinale troverà sulla sua strada il giamaicano Oblique Seville che lo ha battuto in 9.93 ma anche il botswano Tebogo e soprattutto lo statunitense Bracy.ma gli altri due americani, Fred Kerley con 9.78 e Travyon Bromell con 9.89 volano.

Le sue parole, raccolte dall’ufficio stampa Fidal, fanno tremare i fan: “Credo di aver fatto una buona partenza e di aver anche accelerato nel modo corretto. Poi però non riesco a lasciarmi andare. Ora devo cercare di mettermi quanto prima nelle mani del fisioterapista, per tentare di essere in condizioni migliori per la semifinale”.

Marcell Jacobs fa tremare i suoi fan, tutti i tisuktati degli altri italiani ai Mondiali di atletica

Nelle altre finali della notte ai Mondiali di atletica, buon ottavo posto per Valentina Trapletti nella 20 km di marcia a soli sette secondi dal primato personale (oro alla peruviana Kimberly Garcia in 1h26.58. Settima invece la staffetta 4×400 mista con Lorenzo Benati, Ayomide Folorunso, Brayan Lopez e Alice Mangione nella gara vinta dalla Repubblica Dominicana.

Bene nel martello per Sara Fantini, sesta nella qualificazione del martello con un ottimo 72,38 al terzo lancio e perfettamente in corsa per le medaglie.la primatista italiana è arrivata a Eugene in forma, esattamente come l’italo-americano Nick Ponzio, capace di lanciare il suo peso a 21,35 nelle qualificazioni. La sua è la quarta misura e può anche sognare il podio.

Nick Ponzio (ANSA)

Nei 1500 metri donne passa Gaia Sabbatini che conferma i buoni risultati delle Olimpiadi di Rokyo, mentre finiscono fuori Federica Del Buono e Sintayehu Vissa. Fuori invece nell’asta donne Roberta Bruni (fresca primatista italiana) ed Elisa Molinarolo, dentro nelle batterie dei 3000 siepi Ahmed Abdelwahed.