Caos Atalanta, Gasperini non ci sta: l’incontro con la proprietà sarà definitivo

311

Atalanta è caos, Gasperini non ci sta e sbotta ancora contro la società: l’incontro con la proprietà sarà decisivo per il futuro.

Il rapporto tra il tecnico e i nuovi proprietari americani continua ad essere difficoltoso e dopo lo sfogo estivo arriva una nuova polemica, previsto un incontro: quanto si deciderà sarà decisivo per il futuro.

Gian Piero Gasperini, allenatore dell'Atalanta [Credit: ANSA] - Sportitalia.com
Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta [Credit: ANSA] – Sportitalia.com
Tra le squadre che si approcciano alla pausa Mondiale nella maniera peggiore c’è anche l’Atalanta. Sembra assurdo da dire dopo il grande inizio di stagione, ma gli uomini di Gian Piero Gasperini sembrano essere crollati nelle ultime gare prima della sosta raccogliendo ben quattro sconfitte nelle ultime 5 gare, 3 delle quali tra le mura amiche del Gewiss Stadium.

L’estate dalle parti di Zingonia non era stata semplice, con un mercato che ha faticato a decollare al punto che lo stesso tecnico degli orobici, tramite una conferenza stampa, aveva palesato tutto il suo malessere per le tante difficoltà avute. L’inizio di stagione di alto livello, con un ritorno all’Atalanta che ha centrato la Champions solo un paio di stagioni fa, sembrava aver placato le polemiche ma il recente passo indietro ha riaperto tante preoccupazioni.

Il calo di prestazioni e risultati ha allontanto i bergamaschi dalle prime quattro posizioni del campionato creando nuovamente un divario tra le idee di Gasperini e le possibilità a lui date da parte della proprietà: il recente sfogo del tecnico nerazzurro ha infatti riaperto la polemica.

Gasperini e proprietà, incontro definitivo: di cosa si discuterà?

Al termine della sconfitta contro l’Inter dell’ultima giornata prima della sosta per il Mondiale in Qatar, Gian Piero Gasperini ha deciso di affidare ai microfoni dei giornalisti un suo nuovo sfogo, ancora una volta indirizzato nei confronti della neo proprietà americana dell’Atalanta con la quale, almeno fino ad ora, il Gasp non sembra avere un buon rapporto.

La richiesta di chiarezza sul presente ed il futuro della squadra orobica da parte dell’allenatore ex Genoa è parsa legittima, pertanto la lunga sosta appena iniziata sembra capitare al momento giusto: un incontro tra il tecnico e il proprietario Stephen Pagliuca sembra infatti già essere in programma.

Stephen Pagliuca, proprietario dell'Atalanta [Credit: ANSA] - Sportitalia.com
Stephen Pagliuca, proprietario dell’Atalanta [Credit: ANSA] – Sportitalia.com
L’incontro si terrà a Boston, casa del proprietario oltre che dei nerazzurri, e sarà decisivo per quel che riguarda il futuro prossimo dei bergamaschi. Nel meeting si parlerà non di esonero, la fiducia in Gasperini resta altissima infatti, ma bensì di quali scelte intraprendere a partire da gennaio con il calciomercato.

Le indicazioni che arrivano è di una decisione che sarà presa in maniera unanime e che potrebbe portare ad una piccola grande rivoluzione che comprenderà anche nomi estremamente inattesi.

L’Atalanta cambia pelle? Ecco chi potrebbero essere i partenti

La decisione che dovrebbe uscire fuori dall’incontro tra proprietà e Gasperini saarebbe dunque quella di tornare a puntare fortemente sui giovani, accettando anche un risultato lontano dalla Champions, ma con la promessa di aprirsi un futuro radioso e di successo: per permettere ciò saranno quindi inevitabili cessioni anche importanti.

Duvan Zapata, attaccante dell'Atalanta [Credit: ANSA] - Sportitalia.com
Duvan Zapata, attaccante dell’Atalanta [Credit: ANSA] – Sportitalia.com
Quello di Duvan Zapata rischia di essere il nome più imprtante tra quelli che a gennaio potrebbero lasciare l’Atalanta. Oltre a Pasalic e Malinovskyi, già da tempo considerati cedibili dalla società, anche il colombiano non sembra più esssere al centro del progetto e del suo sacrificio ne gioverebbe Hojlund, giovane rivelazione degli orobici insieme a Lookman fino a qui. Ovviamente resta tutto ancora da scrivere e nulla resta nemmeno lontanamente certo, di sicuro rimane solo la necessità per la Dea di orendere una direzione.