“Un vice-campione del Mondo a zero al posto di Origi”: il retroscena sul disastro del mercato Milan

130

Yvan Le Mee, agente di Adopo, match winner della sfida di Coppa Italia tra Milan e Torino, nel corso della trasmissione SportitaliaMercato, in onda su Sportitalia ha criticato il modo con cui il Milan ha operato nello scorso mercato, scegliendo di non puntate su talenti semisconosciuti e preferendo profili più blasonati. Di seguito le sue dichiarazioni:

“Invece di prendere Origi si poteva prendere Kolo Muani, oggi all’Eintracht Francoforte. É una questione di immagine, è più facile prendere un giocatore del Liverpool. Devi anticipare la concorrenza. Lui era come Adopo, al Boulogne. In Italia le grandi società non puntano su questi talenti”.

Leggi anche: Altro che Coppa Italia: Pioli deve aver paura di Conte

Il procuratore ha parlato anche della situazione rinnovi concentrandosi su quello del connazionale Olivier Giroud, affermando che la società rossonera avrebbe dovuto muoversi prima del Mondiale per il prolungamento di contratto del francese per non trovarsi nella situazione di incertezza attuale.