Moto GP, scatta l’allarme Marquez: fanno scalpore le rivelazioni di un big

261

Moto GP, scatta l’allarme Marquez: fanno scalpore le rivelazioni di un big. Il campione catalano è tornato a grandissimi livelli ad Aragon

Marquez
Marc Marquez (Getty Images)

Il Motomondiale ha ritrovato un suo grande protagonista. Il sei volte campione del Mondo di MotoGP, Marc Marquez, è tornato a ruggire come ai bei tempi: lo splendido duello andato in scena domenica scorsa al Gran Premio di Aragon tra il centauro catalano e il nostro Pecco Bagnaia è stato vissuto con il cuore in gola da tifosi, critici e addetti ai lavori. Marquez in sella alla sua Honda è arrivato secondo alle spalle del pilota italiano della Ducati ma a tutti ha dato la sensazione di aver recuperato in pieno dal gravissimo infortunio che lo ha tenuto lontano dalle piste per oltre un anno.

LEGGI ANCHE>>>Marquez ci prova ma non ci crede: “Chissà quando accadrà di nuovo”

LEGGI ANCHE>>>MotoGP Aragon, capolavoro Bagnaia: prima vittoria nel mondiale

Il lungo e avvincente duello tra Bagnaia e Marquez ha riportato alla mente quelli altrettanto incandescenti di qualche anno tra il fuoriclasse di Cervera e un altro italiano, Andrea Dovizioso. Il trentacinquenne pilota di Forlimpopoli è stato per tre stagioni abbondanti il principale antagonista di Marquez riuscendo solo a sfiorare l’impresa di batterlo nel duello per la conquista del titolo mondiale. Ora molto è cambiato, nuovi giovani e talentuosi campioni si sono affacciati sulla ribalta internazionale: lo stesso Dovizioso, ingaggiato a sorpresa dalla Yamaha Petronas per gareggiare in questo finale di stagione, confessa che nulla tornerà come prima.

LEGGI ANCHE>>>Andrea Dovizioso, manca solo l’annuncio ufficiale: è tutto pronto

Dovizioso
Andrea Dovizioso in Yamaha (Getty Images)

MotoGP, Dovizioso non è convinto del recupero di Marquez: “Sta peggio di come sembra”

Dovizioso è comunque lusingato dalle parole di Marquez che ha paragonato il duello con Bagnaia a quelli avuti in passato con il campione romagnolo: “Mi fa piacere che Marc spesso ricordi i nostri duelli, vuol dire che nonostante mi abbia battuto gli ho fatto effetto. In situazioni simili pensa ancora a me, fa molto piacere. Diciamo che averlo battuto cinque volte nel curriculum non è male, ma quello che contava era il Mondiale”. Dopo gli elogi, arivano i timori: “Si vede benissimo – avverte Dovizioso – quanto sia limitato fisicamente. Molti avversari sminuiscono questa cosa ma penso che sia messo molto peggio dal punto di vista fisico rispetto a quanto la gente creda”.