Ferrari, le parole di Charles Leclerc rassicurano i tifosi: il motivo

325

Ferrari, le parole di Charles Leclerc rassicurano i tifosi: il motivo. Il pilota monegasco ha chiuso secondo dietro Hamilton il venerdì di Istanbul

Leclerc
Charles Leclerc sul circuito di Istanbul (Foto: Getty)

Il venerdì di prove libere in Turchia ha ridonato una Ferrari competitiva ai tifosi della Formula 1. Gli aggiornamenti sul pacco batteria portati a Sochi sulla vettura di Leclerc e a Istanbul anche per Sainz (per questo partirà ultimo con nuova power unit), stanno dando i frutti sperati. Come sottolineato dai diretti interessati non si tratta di “una svolta” ma di un “deciso passo avanti nella giusta direzione”. Mattia Binotto, che in questo week end è rimasto a Maranello per lavorare allo sviluppo della monoposto del prossimo anno, sa che il gap nei confronti della concorrenza è ancora ampio, ma con progressivi interventi l’obiettivo è iniziare il 2022 alla pari con Mercedes e Red Bull. Nelle due sessioni inaugurali del week end turco, Leclerc ha chiuso rispettivamente terzo e secondo le FP1 e le FP2. Meglio di lui solo Hamilton e Verstappen al mattino e l’inglese al pomeriggio, con un distacco davvero contenuto (166 millesimi). Una vera iniezione di fiducia, come non avveniva ormai da tanto tempo. Una prestazione che ha risollevato gli animi anche all’interno del box, anche se la strada è ancora molto lunga.

LEGGI ANCHE >>> Valentino Rossi addio, l’omaggio di un campione: “Voglio la sua eredità”

LEGGI ANCHE >>> Formula 1, finalmente l’annuncio ufficiale: accordo fatto fino al 2025

Ferrari, le parole di Charles Leclerc rassicurano i tifosi: la macchina è competitiva

Leclerc
Charles Leclerc (Foto: Getty)

Leclerc ha commentato: “Il feeling è stato buono per tutta la giornata, ma non dobbiamo lasciarci trasportare troppo perché i top hanno ancora delle carte da mostrare. Anche con tanto carburante siamo andati bene“. Poi aggiunge: “Tutto sembra positivo, ma è solo venerdì e ora voglio tenere la testa bassa per lavorare e ottimizzare l’assetto della macchina per avere una qualifica perfetta. Mi sento contento, quando il posteriore si muove mi diverto e tutto sembra funzionare al meglio per essere competitivi. C’è qualcosa da ottimizzare”. Insomma nessuna distrazione e l’obiettivo di essere la mina vagante del GP, considerando anche la penalizzazione di Hamilton. Dal canto suo Carlos Sainz ha espresso qualche rammarico per la sua penalità, visto il livello espresso dalla vettura.

Non sono del tutto entusiasta perché comunque i risultati di Leclerc sono stati diversi. I suoi tempi sono da podio, questo mi fa essere speranzoso ma dovrò rimontare tante posizioni. Avrei potuto essere lì davanti con lui vedendo questo passo nella SF21″.