Diego Maradona, l’importante richiesta della figlia Giannina: devono farlo!

99

Diego Maradona, l’importante richiesta della figlia Giannina: devono farlo! Ad un anno esatto dalla scomparsa del ‘Pibe de Oro’ nessuno lo ha dimenticato

Diego Maradona
Diego Armando Maradona con i colori del Boca Jr (Foto: LaPresse)

Un anno fa, in queste ore, il mondo intero piangeva la scomparsa di Diego Armando Maradona. Il giocatore più iconico (e probabilmente forte) della storia del calcio se ne andava all’età di 60 anni dopo un malore all’interno della sua villa vicino Buenos Aires. Gli attestati di affetto non si sono mai interrotti negli ultimi 12 mesi e hanno creato un immaginario fil rouge tra l’Argentina e Napoli, con un rimbalzo di emozioni che accomuna milioni di tifosi. C’è però ancora chi chiede giustizia per Diego, per approfondire la vicenda legata alla sua morte, quelle ultime ore e le cure ricevute (o meglio dire non ricevute) da parte di chi doveva occuparsi di lui. Un grido di dolore che vede in prima linea la figlia Giannina, che in un lungo post su Instagram ha sottolineato proprio questo.

“La disperazione e la vulnerabilità si impadroniscono di me, mi sento spezzata. Le forze che sono costretta ad avere mi lasciano come se non potessi respirare. Ho bisogno di giustizia per la tua partenza improvvisa. Non possono continuare come se nulla fosse. E’ troppo”.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, clamorosa sanzione dopo il derby tra Torino e Juventus

LEGGI ANCHE >>> Maradona, arriva il momento tanto atteso: c’è la data ufficiale

Diego Maradona, l’importante richiesta della figlia Giannina: “Ho bisogno di giustizia”

Maradona con le figlie
Giannina Maradona bacia il padre con la sorella Dalma (Foto: LaPresse)

Poi nel suo accorato ricordo, l’ex moglie di Sergio Aguero aggiunge: “Mille fronti aperti, mille nemici che tirano missili e quei soliti che continuano a ferire noi che siamo ancora qui. Guardo mio figlio Benja e tutto mi fa ancora più male. Vivere senza te è ogni giorno più faticoso. Ti penso, ti sento, ti sogno, non sono un esempio e faccio ciò che posso. Scusa per le situazioni che hai dovuto vedere. Il tempo ha finito per darmi ragione, ma è inutile se non ci sei più. Ti voglio bene e te ne vorrò fino a quando non ci rincontreremo. Grazie per sostenermi da lassù. Grazie per queste cose e grazie per la tua famiglia di ammiratori che mi fanno sentire un po’ più vicina a te”. Nel frattempo proprio oggi viene inaugurata a Napoli la statua dedicata a Diego, davanti all’ingresso dei Distinti dello Stadio Maradona. Un altro bagno d’affetto.