MotoGP, la svolta è storica: rivoluzione definitiva entro tre anni

207

Il motomondiale, a cominciare dalla classe regina della MotoGP, entro tre anni avrà un carburante più bio e dal 2027 sarà alimentata da carburante non fossile

MotoGP
Tante le novità che caratterizzeranno la MotoGP (foto: Getty)

La MotoGP e la GMI, la federazione motociclistica internazionale, hanno deciso di concretizzare una svolta epocale che porterà progressivamente tutti i mezzi del Motomondiale ad alimentarsi con carburante non fossile.

MotoGP alimentata a bio

il passaggio sarà graduale ma il progetto, di fatto è già cominciato. L’annuncio è di oggi. Lo sforzo comune di tutte le federazioni automobilistiche e motociclistiche è quello di andare sempre più incontro alle cosiddette energie sostenibili. Ed è arrivato a un punto di svolta.

Alcune competizioni, ormai, puntano con sempre maggiore decisione al mondo elettrico. Basti pensare alla Formula E, o alla Extreme E, le gare di fuoristrada con giganteschi SUV alimentati da motori full-electric.

Il rally WRC, dall’anno prossimo, presenterà nuovi regolamenti e nuove vetture ibride. Anche la Formula Uno, che ha intrapreso ormai da tempo la svolta dell’ibrido, progetta di limitare sempre di più l’apporto del cosiddetto motore termico.

LEGGI ANCHE > MotoGP, scoppia il caso Quartararo: la Yamaha con il fiato sospeso

Quartararo
Fabio Quartararo campione del mondo MotoGP (Getty Images)

La svolta entro il 2027

Le moto seguiranno esattamente lo stesso percorso. Già dal 2024, infatti, la MotoGP obbligherà tutte le scuderie a un’alimentazione con una miscela di biocarburante non fossile almeno per il 40%. Si tratta di una vera e propria svolta ma anche di un punto di partenza perché entro il 2027 il carburante che alimenterà i bolidi del Motomondiale dovrà essere interamente bio.

Molto a questo punto dipenderà non soltanto dalle scuderie ma anche dai fornitori di carburante che inizieranno fin da subito un laboratorio per capire quale possa essere la soluzione migliore per garantire alle moto le performance di sempre in un regime più ecologico. Stesso provvedimento anche per le classi Moto2 e Moto3.

La federazione motociclistica ha anche annunciato un ulteriore rilancio del campionato Moto E che l’anno prossimo sarà presente in tutte le tappe della MotoGP a cominciare da marzo con il gran premio di Losail in Qatar. Dopo i test della settimana scorsa a Jerez, le moto elettriche torneranno in test il 5 febbraio al Sepang, l’11 a Mandalika e il 22 a Portimao.