Napoli, momentaccio per Lorenzo Insigne: il comunicato della società

1209

Non solo i problemi relativi al contratto e un rendimento sottotono: Lorenzo Insigne è stato colpito anche dal Covid ed è in isolamento

Lorenzo Insigne
Lapresse

Il Napoli, dopo aver espugnato San Siro con il colpo di testa di Elmas, è tornato a fare la voce grossa in Serie A. Il club partenopeo aveva avuto un netto calo di prestazioni e risultati ma, battendo lo Spezia all’ultima giornata, avrebbe la sicurezza di restare agganciato al sogno scudetto.

Luciano Spalletti sa che dovrà tenere la tensione alta nel gruppo per evitare un rilassamento per un match considerato da tutti più semplice, e soprattutto è consapevole che per puntare ad un trofeo avrà bisogno di ritrovare i gol e le giocate di Lorenzo Insigne.

L’attaccante partenopeo, però, dopo esser stato escluso dal match contro il Milan, salterà anche la prossima partita di domani al “Maradona”. Proprio poco fa, infatti, il Napoli ha comunicato la sua positività al Covid.

LEGGI ANCHE: Milan-Napoli 0-1, Highlights, Voti, Tabellino: Inter Campione d’Inverno

Napoli, Lorenzo Insigne positivo al Covid: è già in isolamento

Smorfia di dolore
Lapresse

“In seguito al tampone molecolare effettuato questa mattina è emersa la positività al Covid-19 di Lorenzo Insigne. Il calciatore osserverà il periodo di isolamento presso il proprio domicilio”. Questa la nota trasmessa sui social dalla società partenopea che non ha specificato le condizioni di salute del calciatore.

Insigne, comunque, nei giorni scorsi aveva lamentato alcuni sintomi influenzali. Salterà sicuramente la sfida con lo Spezia per poi rientrare in campo dopo la pausa di Natale. Quello sarà sicuramente il periodo più complicato per il Napoli che potrebbe perdere tre colossi come Anguissa, Koulibaly e Osimhen a causa della Coppa D’Africa.

LEGGI ANCHE: Osimhen pronto al rientro nel Napoli: c’è già una data possibile

Servirà quindi il capitano, finora sottotono, per trascinare la squadra verso un sogno che i tifosi accarezzano ormai da molto tempo. Prima, però, bisognerà mettere un punto alla questione contratto, o questa situazione rischia di essere un boomerang pericoloso.