Vialli, incredibile annuncio dell’ex campione: le sue attuali condizioni

387

Vialli, incredibile annuncio dell’ex campione: le sue attuali condizioni. Il capo delegazione dell’Italia agli ultimi Europei torna a parlare

Vialli
Gianluca Vialli (Foto: LaPresse)

E’ stato il capo delegazione voluto da Roberto Mancini agli ultimi Europei vinti dall’Italia in Inghilterra. Gianluca Vialli ha rappresentato una figura cardine per lo spogliatoio azzurro, come visto anche nello speciale dietro le quinte realizzato dalla Rai. I suoi discorsi motivazionali, la sua allegria e spensieratezza ma anche la capacità di toccare le corde giuste, hanno fatto la differenza. Un ex campione al servizio delle giovani leve del nostro calcio, con un grande spirito e una straordinaria umanità. Dopo diversi mesi di silenzio sulle sue condizioni, ora l’ex attaccante di Juve e Samp è tornato a parlare. Il cancro al pancreas che lo colpì tre anni fa non è riuscito ad abbatterlo, ma di certo va tenuto sempre sotto controllo. Le cure hanno risposto bene ma il brutto male è ancora presente.

Sto abbastanza bene. Non ho ancora completato il viaggio e l’ospite indesiderato è sempre con me. A volte è più presente, a volte meno. Diciamo che adesso sono in manutenzione“, spiega Vialli.

LEGGI ANCHE >>> Stadio, clamorosa decisione del Governo: cambia tutto!

LEGGI ANCHE >>> Serie A, partita a rischio rinvio: c’è la decisione ufficiale

Vialli, incredibile annuncio dell’ex campione: “Il male è ancora con me”

Vialli
Gianluca Vialli con la Nazionale (Foto: LaPresse)

Raggiunto in collegamento dalla sua casa di Londra sul canale Cremona1, Gianluca Vialli ha poi aggiunto: “Si va avanti e spero proprio che possiate sopportarmi ancora per tanti anni. Grazie per avermelo chiesto; ho la fortuna di avere tanti amici e tante persone che mi danno la forza e il sostegno di andare avanti al massimo”. Di lui tra l’altro si era parlato ultimamente anche in chiave Sampdoria, con un ritorno di fiamma per l’acquisto della società assieme ad un fondo di investimento inglese. L’arresto del presidente Ferrero avrebbe riaperto la trattativa, ma, almeno per ora, non se n’è fatta menzione.