Marc Marquez torna in pista o smette? La risposta mette in allarme i fan

221

Marc Marquez torna in pista o smette? La risposta mette in allarme i fan

Manca meno di un mese allo shakedown sulla pista di Sepang che darà ufficialmente il via alla nuova stagione della MotoGP con le prime prove ufficiali. Solo un assaggio per una stagione che riparte con Fabio Quartararo campione, Pecco Bagnaia e le Ducati come prima alternativa ma anche senza Valentino Rossi.

Marquez e Bagnaia (LaPresse)

C’è però chi è convinto che anche Marc Marquez non ci sarà, almeno non subito e per questo la Honda HRC si sta già muovendo. Carlo Pernat, uno dei massimi esperti di motomondiale, al sito GPone.com ha fatto le carte alla prossima stagione e ha un’idea chiara sui quello che succederà anche nel mercato.

Il manager genovese è convinto che Honda sia pronta per passare all’azione ingaggiando un nuovo pilota al posto di Marquez, scaricando poi eventualmente Pol Espargarò. Due i nomi: lo steso Quartararo, ma soprattutto Joan Mir dalla Suzuki che è soluzione più facilmente praticabile. E secondo lui, l’affare andrà in porto già prima che inizi la nuova stagione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Valentino Rossi, la rivelazione che non ti aspetti: “Non tutti lo hanno amato”

Marc Marquez torna in pista o smette? Gli scenari per la prossima stagione nel Motomondiale

Questo significa che i problemi fisici di Marc Marquez sono irrisolvibili? Pernat non ha una risposta chiara ma azzarda un’ipotesi molto concreta. Nessuno parla dei tempi di recupero e nessuno in Honda o dallo staff dell’ex campione del mondo fino ad ora si è sbilanciato facendo previsioni. Questo significa che non ci sono certezze e quindi almeno in Malesia lo spagnolo non sarà presente.

Valentino Rossi
Valentino Rossi (ANSA)

Infine un consiglio alla Dorna che gestisce il mondiale. Non deve commettere l’errore di vivere sempre nel ricordo di Valentino Rossi che, a dire bene, in questa stagione sarà presente solo due o tre volte in pista. Ormai tutto quello che aveva da dare, l’ha fatto e adesso il Motomondiale deve saper dimostrare di vivere anche senza il ‘Dottore’, che non significa dimenticarlo ma solo progredire.