“Marco Simoncelli mi è apparso mentre ero in coma”: rivelazione da brividi

431

“Marco Simoncelli mi è apparso mentre ero in coma”: rivelazione da brividi. Lo strano caso di un ragazzo sardo risveglia i ricordi dei tifosi

Sono passati più di dieci anni dall’incidente di Sepang che ha cambiato tutto, ma il ricordo di Marco Simoncelli è ancora vivo non solo nei suoi tifosi. E il delicato ritratto di ‘Sic‘, il docufilm uscito nei cinema italiani subito dopo Natale con un buon successo di pubblico ha confermato l’affetto che tutti hanno per il vero erede di Valentino Rossi.

Marco Simoncelli in lotta con Nicky Hayden (LaPresse)

Ora però spunta una storia che mette i brividi e suscita emozioni forti. Due mesi fa, il 2 novembre, un ventenne di Iglesias (vicino a Cagliari) è stato vittima di un grave incidente mentre stava viaggiano in monopattino. Parso subito grave, è stato operato con urgenza all’ospedale ‘Brotzu’ di cagliari, è entrato in coma ma oggi finalmente sta meglio e si è ripreso.

E al quotidiano ‘L’Unione Sarda’ ha raccontato i risvolti del suo ricovero che unisce idealmente la provincia cagliaritana alla Riviera Romagnola. Perché se Marco Sias, questo il nome del ragazzo, adesso sta meglio e può pensare di riprendere una vita normale è anche per merito di marco Simoncelli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> MotoGP, un altro lutto colpisce la famiglia Hayden: tifosi sconvolti

“Marco Simoncelli mi è apparso mentre ero in coma”: ecco come l’ha aiutato a guarire

Il ragazzo sardo infatti ha raccontato che nel suo sonno profondo ad un certo punto gli è apparso quello che gli sembrava un coetaneo. Grandi riccioli biondi, in sella ad una moto con il numero 58 stampato davanti, gli ha parlato tranquillizzandolo e dicendogli di non aver paura, perché si sarebbe risvegliato e ripreso.

(LaPresse)

“Quando mi sono ripreso ho fatto delle ricerche sulla moto che ho visto mentre ero incosciente e ho riconosciuto il mezzo, il numero e il viso del ragazzo che mi ha parlato. Era Marco Simoncelli. Sono rimasto molto colpito perché non sapevo chi fosse, non seguo lo sport e non avevo mai sentito parlare di lui”. Vero o meno che possa sembrare il fatto di non avere mai conosciuto la storia del Sic, il racconto ha commosso tutti.