Caso Djokovic, notizia shock: il serbo arrestato in Australia? Tutti gli aggiornamenti

280

Djokovic, notizia shock: il serbo arrestato in Australia? Tutti gli aggiornamenti. La clamorosa indiscrezione viene riportata dal Daily Telegraph

Djokovic
Novak Djokovic (Ansa Foto)

Una clamorosa notizia scuote dalle fondamenta il mondo dello sport. Secondo quanto riportato da alcuni siti e quotidiani, Daily Telegraph in testa, Novak Djokovic sarebbe stato arrestato in Australia. L’indiscrezione rilanciata qualche ora fa dallo storico quotidiano britannico prende come premessa la decisione del governo locale di espellere comunque dal paese il numero uno del tennis mondiale, indipendentemente dalla sentenza della Corte Federale di Melbourne di concedergli il visto che gli era stato negato al suo arrivo in aeroporto. Sembra però che la notizia pubblicata in mattinata dal Daily Telegraph non corrisponda al vero: il fuoriclasse serbo non sarebbe attualmente in stato di fermo.

LEGGI ANCHE>>>Caso Djokovic, novità clamorosa: la decisione è definitiva

LEGGI ANCHE>>>Caso Djokovic, gli avvocati all’attacco: “La sua esenzione è corretta”

Più smentite in tal senso sono giunte in questi minuti da fonti interne al governo australiano e dall’organizzazione stessa degli Australian Open. Anche il fratello di Novak Djokovic, Djorde, ha fatto sapere che il campione serbo non è stato arrestato, almeno per il momento: “L’unica cosa da fare è far circolare la notizia il più possibile. Vogliono nuovamente arrestare mio fratello che in questo momento è chiuso con i suoi legali nell’ufficio dove hanno seguito l’udienza. Stanno valutando tutte le opzioni possibili“.

LEGGI ANCHE>>>Caso Djokovic, spunta una testimonianza clamorosa: “Istruzioni sbagliate”

Djokovic
Tifosi di Djokovic (Ansa Foto)

Caso Djokovic, la smentita del governo australiano: “Novak non stato arrestato”

La ricostruzione dei media britannici che confermano l’arresto di Djokovic viene però seccamente smentita da fonti governative australiane, come riporta il Sydney Mornin Herald, che cita ben quattro fonti governative e sportive. Tra l’altro, il ministro dell’Immigrazione non avrebbe ancora deciso se revocare o meno il visto concesso dalla Corte Federale di Melbourne al tennista serbo. La vicenda sta dunque assumendo i contorni di un vero e proprio intrigo internazionale, un giallo di cui non si conosce ancora la soluzione.