Doccia fredda sull’Inter, il problema è Suning: tutti i dettagli

211

Doccia fredda sull’Inter, il problema è Suning : tutti i dettagli. L’Alta Corte di Londra condanna il colosso cinese a versare una maxi cifra

Stevwn Zhang
Steven Zhang (Ansa Foto)

L’Inter sta attraversando un periodo a dir poco esaltante. Il ritrovato primo posto in classifica e la qualificazione agli ottavi di Champions League hanno contribuito a rasserenare il clima sia all’interno della squadra che tra i dirigenti. Dopo un’estate a dir poco movimentata, tra cessioni eccellenti e l’addio di Antonio Conte, il club nerazzurro è ripartito alla grande in campo e fuori. La presenza a Milano in questi giorni del presidente Steven Zhang è servita ad imprimere l’accelerazione definitiva ad alcune questioni rimaste in sospeso, su tutte i rinnovi di contratto di Marcelo Brozovic, dell’ad Beppe Marotta e del ds Piero Ausilio.

LEGGI ANCHE>>>Inter, quanti problemi in vista per Suning: scatta l’allarme tra i tifosi

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Inter, ancora guai per Suning: altri big in vendita?

Ma a raffreddare, almeno parzialmente, gli entusiasmi, è arrivata direttamente dall’Inghilterra una notizia che certamente non avrà fatto piacere all’azionista di maggioranza dell’Inter. L’emittente televisiva cinese PPTV, di proprietà di Suning, è stata condannata a pagare alla Premier League inglese circa 188 milioni di euro (213 milioni di dollari) dall’Alta Corte di Londra per non aver rispettato gli accordi sui diritti tv del campionato.

La Premier ha infatti rescisso l’accordo lo scorso anno dopo il mancato pagamento da parte dell’emittente PPTV di due rate dei diritti televisivi dovuti. La cifra che il colosso cinese dovrà versare nelle casse dei club inglesi rischia di minare ulteriormente il suo già precario equilibrio economico e finanziario.

LEGGI ANCHE>>>Inter, difficoltà in borsa per il Gruppo Suning: c’è preoccupazione

Premier
Premier League (Ansa Foto)

Suning deve versare 200 milioni di euro alla Premier: ci saranno ricadute sull’Inter?

Per ora dal quartier generale dell’Inter non filtrano particolari preoccupazioni: la causa che Suning ha perso è solo una tappa verso un verdetto definitivo che in teoria può ancora dare ragione al gruppo cinese presieduto dalla famiglia Zhang. Tra l’altro, lo stesso Steven Zhang avrebbe ampiamente rassicurato la dirigenza nerazzurra, ribadendo che questa vicenda non avrà alcuna influenza nefasta sui progetti futuri del club campione d’Italia.