Inter-Juventus 2-1: Highlights, Voti, Tabellino, Supercoppa Nerazzurra

288

Con un gol all’ultimo istante dei tempi supplementari firmato da Alexis Sanchez, l’Inter conquista la Supercoppa, primo trofeo stagionale, ai danni della Juventus

Inter Juventus Supercoppa
Alexis Sanchez festeggia esponendo la sua maglia dopo il gol decisivo (AP LaPresse)

É un gol di Alexis Sanchez nei secondi finali dei tempi supplementari a tingere di nerazzurro la Supercoppa italiana, al termine di un match equilibratissimo e inten Inter e Juventus.

Supercoppa, Inter-Juventus 2-1

Meglio l’Inter in avvio con due ottime occasioni per De Vrij, che mette sul fondo da buona posizione e Lautaro Martinez. Qualche discussione su un contatto in area tra Chiellini e Barella in piena corsa, ma una breve consultazione del VAR rompe le polemiche e dà il non luogo a procedere. McKennie si mette in evidenza con una bella opportunità gestita con qualche apprensione dalla difesa nerazzurra. Poi è proprio lo statunitense a insaccare il gol del vantaggio con un morbido colpo di testa cu cross di Alvaro Morata.

L’Inter si affida a Calhanoglu che per due volte si prende la responsabilità di concludere a rete, Perin non si fa sorprendere. Poco dopo su un bel colpo di tacco di Perisic è Dzeko a mettere in crisi De Sciglio che travolge l’avversario. Doveri è alle spalle e non ha alcun dubbio, calcio di rigore che Lautaro Martinez trasforma. Meglio l’Inter in avvio. Juventus capace di trovare il gol al primo affondo ma messa alle corde dalla fortissima reazione dei nerazzurri.

LEGGI ANCHE > Coppa d’Africa, l’arbitro fischia la fine in anticipo: polemiche -VIDEO

Secondo tempo

Avvio di ripresa vivace con Bernardeschi in bella evidenza. Prima sfiora il gol con una bella girata a rete su invito di Rabiot e velo di Kulusevski. Poi si libera al tiro con una efficace percussione ma non trova il bersaglio. L’Inter gioca, amministrando molto il pallone e cercando di rendersi pericolosa. Ma alla fine a dominare è un sostanziale equilibrio. Pochissime le palle gol davvero degne di nota.

Al 59’ è Perin a ribattere da fuoriclasse un ottimo colpo di testa di Dumfries ripetendosi poi, poco dopo, su una conclusione di Perisic. Squadre stanche nel finale del secondo tempo, con dieci minuti di lungo preludio ai tempi supplementari.

LEGGI ANCHE > Inter-Juventus 2-1: Highlights, Voti, Tabellino, Supercoppa Nerazzurra

Inter Juventus Supercoppa
L’abbraccio a fine gara tra gli autori dei due gol nerazzurri, Martinez e Sanchez (AP LaPresse)

Tempi supplementari

Nella mezz’ora di tempi supplementari molta lettura tattica da parte di entrambe le panchine. Una partita nella partita, peraltro di alto livello, quella tra Simone Inzaghi e Massimiliano Allegri che si stuzzicano con una serie di cambi interessanti. I bianconeri, rimaneggiatissimi, cercano di addormentare la partita, puntando sulla manovra e sulla ripartenza. L’Inter si affida alla velocità e all’imprevedibilità di Correa e di Sanchez punto due sole palle gol nel corso dei 30 minuti supplementari. La prima, con un colpo di testa di Sanchez che sfiora la porta di Perin. La seconda con un bel tiro di Dybala che finisce di poco sul fondo.

Nel finale, quando i secondi sono ormai pochissimi e si pensa già ai calci di rigore è di Alexis Sanchez la zampata vincente che vale il primo trofeo stagionale per l’Inter al termine di una partita che definire equilibrata è dire poco.

Magari non splendida sotto l’aspetto del numero di occasioni da gol ma decisamente molto intensa, giocata con tono cavalleresco, senza troppe polemiche, e splendidamente arbitrata da Doveri.

CLICCA QUI PER VEDERE GLI HIGHLIGHTS DI SUPERCOPPA INTER – JUVENTUS

Inter Juventus Supercoppa
L’Inter festeggia sotto la Nord la settima Supercoppa della sua storia (AP LaPresse)

Il tabellino

INTER – JUVENTUS 2-1
5′ McKennie, 35′ Lautaro Martinez su rigore, 120′ Sanchez)
Inter (3-5-2): Handanovic 6; Skriniar 7, De Vrij 6, Bastoni 6.5; Dumfries 6 (89′ Darmian), Calhanoglu 6, Brozovic 6.5, Barella 6 (89′ Vidal 6), Perisic 6.5 (100′ Dimarco 5.5); Dzeko 5.5 (75′ Correa 6), Lautaro 6.5 (75′ Sanchez 6).
Juventus (4-3-3): Perin 6.5; De Sciglio 6, Rugani 6, Chiellini 6, Alex Sandro 5.5; McKennie 6, Locatelli 6 (91′ Bentancur 6), Rabiot 6; Bernardeschi 7 (79′ Arthur 6.5), Morata 6 (87′ Kean 5.5), Kulusevski 6.5 (74′ Dybala 6).
Ammoniti: Bernardeschi, Dzeko, Dybala, Correa, Rugani, Vidal