“Si è concluso un calvario”, lo sfogo di Flavio Briatore: cos’è successo

536

Flavio Briatore posta su Instagram la parola fine su una vicenda giudiziaria che lo ha avuto per protagonista e indagato per oltre undici anni

Non è stata frode fiscale. Il Tribunale di Genova ha uffiicializzato la conclusione della lunghissima inchiesta, durata quasi dodici anni, che ha avuto Flavio Briatore al centro di un’indagine con l’accusa di frode fiscale.

Flavio Briatore
Flavio Briatore assolto dall’accusa di evasione fiscale (AP LaPresse)

La centro dell’inchiesta Flavio Briatore e il suo yacht, il simbolo stesso della sua ricchezza e del suo successo di imprenditore all’apice, il Force Blue.

Briatore, assolto dalle accuse di evasione fiscale

L’indagine prese il via con il sequestro del maxi-yacht di Briatore effettuato dalla Guardia di Finanza con un’operazione che ebbe un grandissimo risalto sui giornali.

L’imprenditore di origine veneta, ex direttore generale della Benetton e della Renault che vinse il mondiale di Formula 1 all’epoca si divideva tra numerosi interessi imprenditoriali tra Costa Azzurra, Montecarlo, Costa Smeralda e Versilia, tra Billionaire e Twiga. Un uomo di successo, papparazzatissimo per via del suo matrimonio con Elisabetta Gregoraci. Oggi, 71 anni, Briatore è assolto “perché il fatto non costituisce reato”. Un sequestro che fece notizia: anche perché a bordo del Force Blue, durante l’irruzione degli uomini delle Fiamme Gialle c’erano proprio Briatore con la moglie e il figlio, Nathan Falco.

La vicenda del Force Blue

L’indagine partiva dal presupposto che il Force Blue, che Briatore utilizzava personalmente ma affittava anche con un servizio charter ‘chiavi in mano’ (completo di equipaggio e di forniture di bordo) a clienti facoltosi, fosse in realtà un modo per evadere oltre tre milioni e mezzo di IVA proprio sulla base della sua attività di noleggio.

LEGGI ANCHE – Elisabetta Gregoraci, clamoroso intrigo: c’entra Flavio Briatore

Briatore ha dato sfogo alla sua soddisfazione con un lungo post sul suo account Instagram nel quale mostra il provvedimento della Cassazione che conclude una vicenda interminabile, dodici anni e sei processi. Briatore ha ringraziato i molti avvocati e studi legali che lo hanno affiancato nel corso di questa vicenda. La sentenza definitiva archivia di fatto ogni accusa nei confronti di Briatore che in Appello era stato condannato a 18 mesi di carcere.

LEGGI ANCHE – Briatore, clamoroso ritorno in Formula 1? L’indizio parla chiaro

Force Blue
Il Force Blue, lo yacht al centro dell’inchiesta durata 12 anni (Getty Images)

Lo yacht di Briatore nel frattempo aveva rischiato di fare una brutta fine. Inutilizzato per diversi anni dopo il sequestro era finito all’asta a Bernie Ecclestone, l’ex direttore generale della Formula 1 a poco meno di sette milioni e mezzo di euro. L’erario ora dovrà restituire a Briatore i 3 milioni e 600 mila euro confiscati all’epoca del primo sequestro. E in teoria Briatore potrebbe anche presentare una richiesta di risarcimento per riscuotere danni e interessi dopo la confisca e la venduta all’asta del suo Yacht.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio)