Real Madrid, Ancelotti nella bufera: quel gesto che non piace ai tifosi

303

La vittoria contro il Getafe in Liga porta ad Ancelotti un altro problema da risolvere a causa della vivace contestazione del Santiago Bernabeu nei confronti di un suo giocatore

Non è tutto perfetto il quadro che Carlo Ancelotti sta disegnando a Madrid con il Real, protagonista di una stagione eccezionale non soltanto nella Liga ma anche in Champions League.

Primo in classifica con 12 punti di vantaggio sul Siviglia la squadra del tecnico emiliano è a un passo dal riconquistare il titolo della Liga, con un margine ormai comodissimo a sette giornate dal termine.

Ancelotti Bale
Gareth Bale, da nove anni al Real Madrid (AP LaPresse)

Così come in Champions League. Dopo la vittoria in trasferta 1-3 sul campo del Chelsea, l’accesso alla semifinale europea della Coppa più prestigiosa sembra ormai una formalità.

Ancelotti e Gareth Bale

Tuttavia, Carlo Ancelotti, ha altri obiettivi ambiziosi. Pensando soprattutto al futuro del club e alla prossima stagione. Uno di questi è recuperare un rapporto, ormai quasi del tutto sfasciato, tra Gareth Bale e i tifosi del Santiago Bernabeu. Duramente colpito dalla contestazione del pubblico, che non gli ha perdonato una certa pigrizia nel recuperare da alcuni presunti infortuni, Bale è stato vivacemente criticato anche dalla stampa spagnola che lo ha platealmente definito un parassita.

Un rapporto da ricostruire

In effetti il contratto del fuoriclasse gallese, ormai da nove anni al Real Madrid, ha fruttato quasi 350 milioni di euro. Ma le presenze del giocatore nel corso della stagione sono state pochissime, solo quattro. I tifosi, in particolare, non gli hanno perdonato il fatto di essersi negato prima del classico contro il Barcellona, perso in casa dal Real Madrid (0-4). É stata l’unica nota fino ad oggi stonata nella gestione praticamente perfetta di Ancelotti. Bale, ufficialmente, aveva un risentimento muscolare alla schiena. Che tuttavia, pochi giorni dopo, non gli ha impedito di segnare due gol all’Austria nel play off per la qualificazione ai Mondiali in Qatar.

Stando alle indiscrezioni che arrivano dalla Spagna, al suo rientro, Ancelotti avrebbe parlato a lungo col giocatore, raccogliendo le sue impressioni e sfidandolo su un piano puramente agonistico. Lo avrebbe punto sul vivo, cercando di stimolare il suo amor proprio. E Bale, clamorosamente, ha accettato la sfida.

Ancelotti Bale
Il momento del cambio tra Bale e Karim Benzema (Foto ANSA)

Fischi e insulti

Sul 2-0 del Real Madrid contro il Getafe, quando mancavano poco più di 20 minuti al termine, il tecnico ha mandato in campo il gallese che è stato subissato per tutto il tempo da fischi e ululati del pubblico. Una contestazione senza precedenti. Bale è rimasto in campo, senza un gesto di stizza, senza alcuna reazione. Al termine della partita, per lui, ha parlato Ancelotti: I tifosi hanno il diritto di fare quello che vogliono e se fischiano bisogna capirli. Ma io sono qui a chiedere ai tifosi il loro sostegno, sempre e comunque. Perché per noi è fondamentale”.

Ancelotti prende atto dell’atteggiamento del pubblico. Ma difende le sue idee: “Mi auguro che le persone cambino opinione e che il giocatore dia loro un’occasione per cambiarla. É un professionista serio, sta facendo bene in allenamento. Quando sarà necessario giocherà sempre. I tifosi lo devono capire”.