“Così stupirò il mondo”, Marcell Jacobs: l’annuncio manda in estasi i fan

447

“Così stupirò il mondo”, Marcell Jacobs: l’annuncio manda in estasi i fan. Il 27enne velocista di Desenzano del Garda è tornato a correre i 100 metri a Savona

Il virus goastrointestinale che lo ha colpito mentre era a Nairobi è stato debellato senza particolari conseguenze. E i risultati si sono subito visti. Marcell Jacobs è tornato a correre i suoi 100 metri al Meeting di Savona, gara che lo ha visto vincere in scioltezza con il tempo di 10.04. Un riscontro cronometrico non trascendentale, ma utile per ripprendere confidenza con la pista di atletica in vista dei prossimi più prestigiosi impegni agonistici.

Sarà un’estate densa di eventi, quella che attende il campione olimpico in carica. Marcell Jacobs sarà chiamato a sfidare i velocisti americani, da lui già battuti a sorpresa nella finale olimpica di Tokyo, in occasione dei Mondiali di Eugene in programma a metà luglio. Una rivincita che gli sprinter a stelle e strisce sognano di prendersi da un anno a questa parte.

Jacobs
Marcell Jacobs (Ansa)

Ma più delle medaglie da conquistare o un titolo in più da mettere in bacheca, la storia dello sprint in atletica leggera è da sempre segnata dal tempo, dai record e dai primati destinati a rimanere impressi nella memoria degli appassionati. Marcell Jacobs sa tutto questo, tant’è vero che oltre a Mondiali ed Europei il suo obiettivo stagionale è proprio il cronometro.

In un’intervista rilsciata all’agenzia di stampa AGI, il velocista di Desenzano Del Garda annuncia il suo grande traguardo per questa stagione: “Farò di tutto per correre sotto i 9’70, forse anche attorno ai 9’65 visti i parametri in allenamento“.

Marcell Jacobs, l’annuncio entusiasma i tifosi: “Voglio avvicinarmi al record di Bolt”

Jacobs
Marcell Jacobs (Ansa)

Parliamo di un tempo molto vicino al record del mondo stabilito da Usain Bolt. Il fuoriclasse giamaicano è stato capace di correre i 100 in 9’58: ad oggi, un riscontro inavvinicinabile per chiunque. Marcell Jacbos però crede alla possibilità di sfiorare la grande impresa.

E’ necessario che ci siano tutte le migliori condizioni possibili. Dal meteo alla pista veloce, fino a una forma perfetta e un leggero vento a favore. Spero di scendere sotto i 9’70 proprio nella gara più importante dell’anno, i Mondiali di Eugene“. Marcell Jacobs pensa in grande, perchè non credergli?