NBA Finale, Golden State pareggia i conti in gara due: serie in parità

137

Dopo la vittoria di Boston, i Golden State Warriors riescono a impattare la serie della Finale NBA che giocava le prime due gare sul campo di casa di San Francisco

Tutta un’altra musica. Rispetto alla partita balbettante, fallosa, incerta e poco lucida soprattutto al tiro, con un finale a dir poco drammatico, i Golden State Warriors rialzano la testa e pareggiano la serie Finale di NBA: 1-1.

Finale NBA Curry
Curry, 29 punti per Golden State in gara #2 (AP LaPresse)

Warriors in grande spolvero soprattutto nella seconda parte della gara quando grazie a uno scatenato Stephen Curry, 29 punti, hanno tracciato un solco incolmabile per i Boston Celtics.

NBA Finale, Golden State vince gara #2

Eloquente il margine conclusivo della partita, quasi venti punti (107-88) nel corso di una sfida che per la verità ha visto i Warriors giocarsela alla pari per la prima metà dell’incontro acquisendo sicurezza e dominio solo dal terzo periodo in poi.

Sempre avanti, ma con un margine minimo, i Warriors hanno dimostrato di avere pienamente superato anche quella forma di ansia da prestazione che sembrava averli bloccati nella prima sfida. Dopo due periodi equilibrati e incerti (52-50 all’intervallo) il terzo quarto di Golden State è micidiale e si chiude al suono della sirena con tre punti di Jordan Poole che valgono un parziale imponente (35-14) dal quale Boston non riuscirà più a riprendersi.

Finale NBA Curry
La gioia di Green durante la partita vinta da Golden State (AP LaPresse)

Warriors tonici in difesa per estendere il vantaggio negli ultimi 12 minuti che proprio in gara #1 si era rivelato fatale. Niente crollo stavolta. Curry ha aperto la strada ai “Dubs” firmando cinque bombe da tre punti sei rimbalzi e quattro assist ma soprattutto dominando in fase difensiva. La serie si sposta ora al Garden di Boston per le prossime due gare. Gara #3 è alle 3 (ora italiana) nella notte tra mercoledì e giovedì.