Tiger Woods nonostante tutto: infortuni, problemi e un record stellare

138

Nonostante sia reduce da un anno difficilissimo, uno dei più problematici della sua lunga carriera, Tiger Woods si segnala per un record invidiabile

Non completa un torneo da un anno. Non vince un trofeo da una vita, l’ultimo risale all’ottobre 2019.

Tiger Woods
Tiger Woods sul campo (LaPresse)

Ma nonostante questo Tiger Woods resta uno degli sportivi più popolari e più ricchi del mondo.

Tiger Woods, nel billionaire club

A dispetto del drammatico incidente stradale dello scorso anno che poteva costargli la sedia a rotelle, se non la vita stessa, il fuoriclasse internazionale del gol è entrato nell’elitario “billionaire club” dello sport. Come lui solo Michael Jordan e LeBron James possono dire di avere guadagnato un miliardo di dollari. La certificazione arriva dall’autorevolissima rivista economica americana Forbes.

L’uomo d’oro del golf

Il tutto nonostante il golfista, 46 anni, che nella sua straordinaria carriera ha vinto qualsiasi torneo polverizzando ogni carriera, non sia in grado di giocare e – recentemente – sia stato costretto a rinviare ulteriormente il suo rientro in un torneo agonistico. Secondo Forbes Tiger Woods ha chiuso il 2021 con 1.7 miliardi di dollari di introiti in premi (pur quasi senza giocare), sponsorizzazioni, accordi di sfruttamento della sua immagine e diritti. Il tutto dopo un incidente stradale che nel febbraio 2021 lo ha visto ricoverato con gravissime ferite alla colonna vertebrale e alla gamba destra.

La notizia del ritorno di Woods al Masters, nell’aprile scorso, aveva scatenato un clamoroso entusiasmo in tutti gli appassionati con una ressa di curiosi e giornalisti senza precedenti per il suo ritorno in campo.

Tiger Woods
Woods, cinque vittorie all’Augusta Masters (Foto ANSA)

Nonostante Woods abbia vinto 15 tornei major e 82 tornei PGA, Forbes sostiene che il golf rappresenta solo il 10% del suo business. A renderlo straordinariamente ricco sono le sponsorizzazioni con colossi come Rolex e Nike. Oltre ad alcuni accordi di partnership con la LIV, la lega invitational di golf finanziata da colossi sauditi, gli stessi che alimentano da anni eventi di massa come Formula 1, Motomondiale e i più grandi club del calcio.

Michael Jordan, che ora ha investito molti dei suoi guadagni in società di produzione, di eventi e in una scuderia Nascar, è stato il primo a superare il miliardo. La settimana scorsa è toccato a LeBron James (appena al di sopra della cifra a nove zeri), ma Tiger Woods sembra avere abbondantemente superato i suoi compagni di questo club elitario ed è al momento l’uomo sportivo più ricco del mondo. Nonostante non abbia vinto nemmeno un evento agonistico…