E’ tutto vero, una big di Serie A cambia proprietà: accordo con un fondo arabo

147

E’ tutto vero, una big di Serie A cambia proprietà: accordo con un fondo arabo. Il calcio italiano sta attraversando una fase di cambiamenti epocali

E’ un periodo decisamente particolare quello che il calcio italiano sta attraversando. Ormai da qualche anno a questa parte, dopo intere stagioni all’insegna del più assoluto immobilismo, si stanno succedendo a ritmo quasi frenetico i passaggi di proprietà di alcuni dei club più importanti della storia del nostro calcio.

Serie A
Serie A (LaPresse)

E’ di qualche settimana fa l’annuncio della cessione del Milan dal fondo Elliott a Red Bird, un altro fondo di investimento made in USA. Altre big come Inter e Roma nell’ultimo decennio hanno conosciuto addirittura ben due passaggi di proprietà che hanno portato al timone gli attuali presidenti, Steven Zhang e Dan Friedkin.

Per non parlare del magmatico avvicendarsi di nuovi proprietari in società di grandi tradizioni e dalla storia prestigiosa come Bologna, Parma e Genoa. E adesso, un’altra grande sembra sul punto di essere ceduta a nuovi investitori.

Stanno circolando con insistenza, peraltro senza alcun tipo di smentita, voci e indiscrezioni che raccontano di un’immimente cambio di proprietà al vertice della Fiorentina. Non è un mistero che l’attuale presidente, l’imprenditore italo-americano Rocco Commisso che rilevò il club viola dalla famiglia Della Valle nel 2019, si sia pentito dei 150 milioni di euro investiti tre anni.

Serie A, Commisso vende la Fiorentina ad un fondo arabo

Commisso
Rocco Commisso (LaPresse)

Talmente deluso da essere stufo del calcio italiano e dei suoi meccanismi a volte poco trasparenti. Per questo qualche mese fa, in gran segreto, Commisso avrebbe affidato a una prestigiosa banca d’affari il mandato a vendere la Fiorentina. E ora a distanza di quasi sessanta giorni, si sarebbe palesato un nuovo acquirente.

Non tragga in inganno il rinnovo di contratto fino al 2024 di Vincenzo Italiano, che ha avuto il merito di riportare la Fiorentina in Europa dopo cinque anni. La conferma dell’allenatore di Karlsruhe è un segnale di continuità e stabilità che il presidente ha comunque voluto dare all’ambiente, ma le sue intenzioni sembrano chiare.

Sarebbe infatti in corso e molto ben avviata una trattativa con un fondo arabo pronto a investire una cifra molto vicina ai 350 milioni di euro, più del doppio di quanto speso da Commisso per comprare la società tre stagioni fa.

Secondo fonti vicini al dossier, l’accordo sarebbe davvero a un passo. I tifosi viola sognano in grande.