Monza, Galliani e Berlusconi pensano in grande: le mani su un top dell’Inter

250

Monza, Galliani e Berlusconi pensano in grande: le mani su un top dell’Inter. Da matricola della Serie A a regina del mercato il passo è breve

L’ex dirigente del Milan e il presidente italiano più vincente della storia non vogliono fermarsi. Dopo aver sondato Icardi hanno in mente un colpo che sarebbe ancor più clamoroso.

Monza, Berlusconi e Galliani
Berlusconi e Galliani vogliono fare grande il Monza (AnsaFoto)

L’annuncio di Pessina al Monza ha sbalordito molti tifosi e addetti ai lavori. Un campione d’Europa, stabilmente nel giro della Nazionale, all’interno di una società neo promossa non è cosa da tutti i giorni. Questo se al comando del suddetto club non c’è Silvio Berlusconi, il presidente italiano più vincente della storia. Con il fido Galliani, l’ex numero uno del Milan ha deciso di divertirsi ancora con il calcio. Dopo aver riportato il Monza in Serie A ora sta conducendo un mercato da big. Cragno, Ranocchia, Carboni, Sensi e Pessina, sono colpi da squadra di buona classifica più che per una rookie della massima serie. In realtà in pentola bolle molto altro e la ricerca si è attualmente spostata sul grande nome in attacco. Galliani è alla ricerca di un numero 9 che possa garantire i gol salvezza e, perchè no, trascinare il gruppo verso l’obiettivo decimo posto.

Monza, Galliani e Berlusconi pensano in grande: l’ultima idea è Edin Dzeko

Dzeko
Edin Dzeko (AnsaFoto)

Dopo aver parlato a lungo con Pinamonti, destinato ora all’Atalanta, il Monza ha sondato il terreno anche per Mauro Icardi. Una bella offerta economica al giocatore e la possibilità per Wanda Nara di tornare a lavorare sulle reti Mediaset. Per ora l’argentino sembra aver declinato ogni proposta, in attesa di capire se ci sarà spazio per lui al PSG o in qualche altra piazza importante. Per questo Galliani sta pensando ad un altro big del calcio europeo e sempre legato all’Inter. Il nome delle ultime ore è quello di Edin Dzeko, al momento un esubero ad Appiano Gentile. Il bosniaco, 36 anni compiuti a marzo, on rientra più nei piani di Inzaghi, che potrà contare sulla coppia “contiana” Lukaku-Martinez. L’ex Roma non ha nessuna intenzione di rimanere in panchina e, nonostante l’età, si sente ancora in grado di fare la differenza. Rimanere in Italia è una priorità sua e della famiglia e chissà che proprio Monza non possa rappresentare uno stimolo speciale. D’altronde Berlusconi e Galliani provarono a portarlo al Milan già 14 anni fa, quando ancora militava nel Wolfsburg. Ora di tempo ne è passato ma il matrimonio potrebbe finalmente andare in porto.