Zlatan Ibrahimovic ne ha inventata un’altra: decisione clamorosa

150

Non c’erano dubbi che la stagione agonistica di Zlatan Ibrahimovic, ufficialmente infortunato dopo l’intervento al ginocchio di qualche settimana fa avrebbe riservato altre sorprese

Con il calciomercato che si divide tra le illazioni per la prossima destinazione di Dybala o di De Ligt, con l’Inter alle prese con la possibile partenza di Skriniar e il Milan che difende strenuamente Rafael Leao, Zlatan Ibrahimovic non sembrava essere argomento di notizia del giorno.

Zlatan Ibrahimovic
La prossima sarà la 23esima stagione da professionista per Zlatan Ibrahimovic (Foto ANSA)

E invece, ancora una volta, spiazzando tutti se non altro nei tempi con cui la comunicazione è stata ufficializzata, Zlatan Ibrahimovic e il Milan hanno annunciato che il loro contratto andrà avanti: per un’altra stagione.

Milan e Zlatan Ibrahimovic, ancora insieme

Per la verità l’accordo tra Zlatan, che dopo la morte del suo procuratore storico, Mino Raiola, avrebbe fatto tutto da solo parlando direttamente con la dirigenza del Milan e in particolare con Maldini e Massara, c’era già da alcune settimane. Ma la posizione dei due dirigenti doveva ancora essere chiarita dopo la notizia della cessione del club dal Fondo Elliott al fondo americano Red Bird. E si è preferito attendere.

I termini dell’accordo

Da oggi è ufficiale. Zlatan Ibrahimovic, in questi giorni in vacanza insieme alla sua famiglia  sul Lago di Garda dove sta recuperando dall’intervento al ginocchio che ha affrontato alla fine della stagione che si è conclusa con lo scudetto, resta al Milan. Fino al giugno 2023.

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic, mattatore durante i festeggiamenti per lo scudetto del Milan (Foto ANSA)

L’accordo è per un ingaggio ridotto rispetto a quello percepito nel corso delle ultime stagioni. Cifre ufficiali non ce ne sono:. Ma le voci parlano di un milione e mezzo netto di euro garantito, che potrebbe raddoppiare sulla base dei bonus per i successi della squadra e i risultati personali. Ibra guadagnerà un gettone per ogni presenza, per ogni assist e per ogni gol.

Il valore di Ibrahimovic per il Milan è per altro anche mediatico: e considerando il numero di magliette vendute (confermata la #11) e il gran numero di eventi e campagne cui lo svedese si è legato negli ultimi tempi, l’accordo è un vantaggio mediatico importante anche per il club.

Tornato al Milan nel 2018 dopo la sua esperienza americana nei Los Angeles Galaxy, Ibrahimovic ha firmato nel corso della sua ultima stagione 23 presenze in Serie A e 8 gol.

Ibra, 41 anni il 3 ottobre, affronta dunque la sua 23esima stagione da professionista. Dal suo ritorno a oggi, nonostante infortuni e assenze ha registrato 159 presenze complessive tra coppe e campionato e 92 gol tornando anche a vestire la maglia della Nazionale dopo cinque anni di assenza.