“È successo quando era alle elementari”: il retroscena su Bagnaia è incredibile

229

“È successo quando era alle elementari”: il retroscena su Bagnaia è incredibile. Il pilota della Ducati ci aveva visto lungo

Il neo campione del mondo della MotoGP aveva un sogno fin da quando era bambino. Lo aveva confessato alla sua maestra delle elementari. Alla fine “Pecco” ce l’ha fatta!

Pecco Bagnaia
Francesco Bagnaia campione del mondo (AnsaFoto)

E’ stato davvero un sogno per Bagnaia portare a casa un titolo mondiale così importante. Dal 2009 un italiano non trionfava dalla classe regina (Valentino Rossi 2009) e addirittura 50 anni dall’ultimo titolo di un nostro pilota su moto tricolore (Agostini-MV Augusta 1972). La lunga cavalcata di quest’anno è stata davvero entusiasmante, con una rimonta di oltre 90 punti ai danni della Yamaha di Quartararo. Pecco si è avvalso di tutte le possibilità del caso per portare a compimento un vero capolavoro. Per resistere alla pressione dell’ultimo appuntamento a Valencia ha chiamato in suo aiuto anche Valentino Rossi. Alla fine con l’ottavo posto (il rivale si è dovuto accontentare del quinto) il #63 ha riportato sul tetto del mondo la Ducati, che mancava dal primo gradino del podio dal lontano 2007 (Casey Stoner).

Bagnaia, la sua storia è davvero unica: Valentino Rossi era nel destino

Bagnaia campione
Bagnaia festeggia appena rientrato nel box (AnsaFoto)

Il legame tra Bagnaia e Valentino Rossi è di lungo corso. Il pilota torinese si è trasferito a Pesaro giovanissimo proprio per stare vicino al campione di Tavullia. Duri allenamenti nel Ranch del #46, partecipazione all’Academy e scalata nel Motomondiale iniziata con il titolo in Moto2 nel 2018. Le idee di Pecco sul da farsi erano chiare fin da bambino. A riportare una storia molto significativa in tal senso è quest’oggi il Corriere della Sera, con un bell’articolo che parla del piccolo Francesco ai tempi delle elementari.

Parla la sua maestra, Raffaella Bellone, che lo aveva in classe proprio nei primi anni scolastici. 

Francesco era molto buono e socievole. Sapeva quello che voleva. In prima e in seconda elementare lo vedevo bene come intrattenitore. Sapeva raccontarci episodi di vita familiare con un umorismo pazzesco, facendoci ridere. Davvero tanto. Era molto riflessivo. Ricordo, eravamo in seconda elementare, un giorno durante l’intervallo, mentre chiacchieravo, mi disse: ‘Sogno di far parte della squadra di Valentino Rossi‘ La sua passione per le moto , assecondata soprattutto dal papà che lo ha sempre seguito moltissimo, era già ben presente. Ma anche ora, quando ci racconta delle sue gare, lo fa con modestia, con naturalezza. È davvero un bell’esempio per tutti i ragazzi. Di questo sono davvero orgogliosa come insegnante“.

La sua maestra delle elementari sapeva già tutto: l’obiettivo era chiaro fin da bambino

Rossi Bagnaia
Valentino Rossi, Pecco Bagnaia e Luca Marini (AnsaFoto)

Il classe ’97 è diventato un ragazzo senza grilli per la testa, con una grande passione per le moto e la fede juventina ad accompagnarlo dal punto di vista calcistico. Dopo aver vissuto a Pesaro per molti anni, con la fidanzata Domizia ha deciso di comprare casa nel torinese, vicino alle sue origini. Con il cane bassotto Turbo, ha deciso di riavvicinarsi alla mamma Stefania e al papà Pietro, che insieme mandano avanti la loro ditta di installazione di ascensori, a Mappano. Delle scelte che raffigurano un profilo piuttosto chiaro: l’antidivo per eccellenza, molto umile e determinato e ovviamente dotato di talento.

Rossi ha avuto sempre una grande stima di lui, così come gli attuali rivali. Lo stesso Marc Marquez, ieri, dopo la vittoria del titolo ha dichiarato: “Penso che sarà in grado di portarne a casa anche altri”. I tifosi sperano proprio che il campione spagnolo abbia ragione.