Inter, la svolta di Stefano Sensi: cosa farà per prevenire gli infortuni

198

Stefano Sensi è pronto ad intraprendere un nuovo tipo di carriera: il calciatore si concentrerà sulla prevenzione agli infortuni

Infortunio
Getty Images

Stefano Sensi è ancora fermo ai box dopo l’ultimo infortunio avvenuto a settembre nella sfida di campionato contro la Sampdoria. Il centrocampista classe ’95, da quando è approdato all’Inter, ha passato tantissimo tempo in infermeria pregiudicando, di fatto, quanto di buono aveva fatto vedere in campo.

Dopo l’esperienza al Sassuolo, infatti, Sensi era diventato un titolare inamovibile dell’undici di Conte, ma i continui infortuni hanno frenato la sua carriera. Anche questa estate, quando avrebbe dovuto disputare l’Europeo da protagonista, è stato costretto a dare forfait e Mancini ha convocato Pessina al suo posto.

Il centrocampista sta lavorando per farsi trovare disponibile da Inzaghi già dopo la sosta, ma nel frattempo ha deciso di intraprendere anche un’altra carriera come imprenditore.

LEGGI ANCHE: Inter, guai in vista per Simone Inzaghi: un big è a rischio per la Lazio

Stefano Sensi diventa imprenditore e investe in una particolare applicazione

Stefano Sensi
Getty Images

L’ex Sassuolo ha infatti deciso di investire pesantemente in una start up milanese che ha lanciato un algoritmo per monitorare e prevenire gli infortuni nei calciatori professionisti.

L’azienda si chiama “Vedrai SPA” ed è stata fondata da Michele Grazioli, un tifoso interista, qualche mese fa. La società si occupa di intelligenza artificiale e anche delle sue applicazioni nel mondo del calcio e dello scouting.

Grazioli è molto amico di Sensi e il calciatore ha deciso di aiutarlo nel lancio di questa nuova app, che chissà potrebbe tornargli utile anche per gestire meglio i suoi muscoli. L’interista non è l’unico sostenitore dell’azienda, che ha ricevuto l’appoggio di altri vip come Andrea Bocelli, Piero Angela e Giorgio Chiellini.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Inter, altri guai in vista: a gennaio l’obiettivo è uno solo

Sarà l’intelligenza artificiale a risolvere i suoi problemi? Sensi e Grazioli si augurano di sì: non ci potrebbe essere pubblicità migliore di quella di un giocatore fragile che finalmente riesce a giocare con continuità.