Mourinho, l’annuncio choc lascia i tifosi esterrefatti: il motivo

601

Mourinho, l’annuncio choc lascia i tifosi esterrefatti: il motivo. Lo ‘Special One’ non ha digerito la sconfitta con il Milan

Mourinho
Josè Mourinho (Foto: Getty)

La sconfitta di ieri sera contro il Milan non è andata giù a Josè Mourinho. La Roma è partita male nel primo tempo, venendo messa sotto nel gioco dalla squadra di Pioli e trovando il meritato svantaggio su una punizione di Ibrahimovic. Più bravi i rossoneri nel possesso palla e nelle letture tattiche. Un esito che lasciava poco spazio alle recriminazioni, se non ci avesse messo poi lo zampino l’arbitro Maresca. Il fischietto campano ha assegnato nella ripresa un rigore molto dubbio per fallo di Ibanez su Ibra (in realtà tocca il pallone), nonostante l’assistente al Var, Mazzoleni, lo avesse invitato a rivedere tutto al monitor a bordo campo. Come se non bastasse, proprio nei minuti di recupero, dopo il gol di El Shaarawy che aveva riacceso le speranze giallorosse, lo stesso Maresca non ha accordato un penalty per un tocco di Kjaer su Pellegrini. Il Var non è intervenuto e la rabbia della panchina romanista è definitivamente esplosa. Nel post partita anche Gianluca Mancini, ai microfoni di Dazn, ha chiesto maggiore rispetto e uniformità di giudizio.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, sfuma il grande colpo: accordo con una big

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, Inzaghi avverte Marotta: “Me l’aspetto entro pochi giorni”

Mourinho, l’annuncio choc lascia i tifosi esterrefatti: “Se parlo mi squalificano”

Josè Mourinho
Josè Mourinho (Foto: Getty)

Una strategia diversa quella adottata invece da Mourinho, visibilmente contrariato dopo il fischio finale e poco loquace come spesso capita davanti alle telecamere. Presentatosi in televisione ha semplicemente detto: “Faccio i complimenti al Milan, ma non voglio dire niente di più. Se parlassi, domenica prossima non sarei in panchina. Provo rabbia per la mancanza di rispetto nei confronti dei nostri tifosi. In una partita in cui non abbiamo giocato bene ma abbiamo dato il massimo, c’è stata una mancanza di rispetto nei nostri confronti”. Josè rincara la dose anche nella conferenza stampa dello Stadio Olimpico.

“Ho fatto uno sforzo e sono riuscito a portare tutti i miei giocatori nello spogliatoio senza aspettare l’arbitro sulla porta. Siamo riusciti a controllare le emozioni, ora voglio solo stare in panchina domenica ed evitare squalifiche. Se parlo mi squalificano”. Insomma un modo piuttosto chiaro di contestare quello che a suo avviso, e di molti tifosi, è stato un arbitraggio davvero rivedibile.