Jannik Sinner, la rivelazione: “Quando succede, dormo sempre male”

412

Jannik Sinner, la rivelazione: “Quando succede, dormo sempre male”. Il ventenne tennista altoatesino confessa una sua debolezza

Sinner
Jannik Sinner (Lapresse)

Il tennis italiano guarda al prossimo anno, il 2022, con legittimo e rinnovato ottimismo. C’è la malcelata convinzione sia tra gli appassionati che tra gli adetti ai lavori che i due nostri grandi talenti, Matteo Berrettini e Jannik Sinner, entrambi classificati nella top ten del Ranking ATP, siano in grado di firmare nuove straordinarie pagine nella storia dello sport azzurro. In particolare, le magigori aspettative ricadono proprio sul ventenne talento altoatesino che nel corso del 2021 è stato capace di conquistare ben quattro tornei del circuito internazionale. Il prossimo step deve consistere in una sua crescita sul piano della continuità di rendimento e dei risultati in occasione dei tornei più importanti.

LEGGI ANCHE>>>Sinner e Berrettini, risultato deludente: il più amato è un altro campione

LEGGI ANCHE>>>Jannik Sinner, clamorosa retromarcia: l’indizio social non mente

L’attesa è destinata a finire presto: a gennaio prossimo, i migliori tennisti del mondo si sfideranno nel primo torneo del Grande Slam, gli Australian Open sull’ormai classico cemento di Melbourne. Un appuntamento fondamentale in cui Jannik Sinner avrà la prima grande occasione per confermare i grandi progressi evidenziati sulle superfici veloci nell’ultima parte della stagione. In questi giorni che precedono le festività natalizie, il talento di San Candido si sta allenando con grande intensità per presentarsi già a gennaio nelle migliori condizioni possibili.

LEGGI ANCHE>>>Jannik Sinner, c’è l’annuncio ufficiale: i tifosi già sognano

Australian Open
Australian Open (Lapresse)

Jannik Sinner, la rivelazione soprende tutti: “Dopo ogni sconfitta non dormo mai bene”

Jannik Sinner è ambizioso, sicuro di sè e convinto della propria forza. E soprattutto digerisce a fatica le sconfitte. In un podcast registrato qualche ora fa, il giovane altoatesino ha rivelato di soffrire in modo particolare i postumi di un’eliminazione da un torneo: “Quando perdi le partite che era importante vincere, c’è un momento in cui ti poni tantissime domande. Ti chiedi perché hai sbagliato quel colpo anche se ti eri allenato tanto. Quando perdo, la notte non dormo mai bene – ha svelato Sinnerma il giorno dopo, quando mi sveglio, ricomincio daccapo: non spreco energie a ripensare alla sconfitta“.