Jannik Sinner, grande novità in arrivo: c’è la conferma ufficiale

326

Jannik Sinner, grande novità in arrivo: c’è la conferma ufficiale. Prosegue il percorso di crescita del ventenne talento altoatesino

Sinner
Jannik Sinner (Ansa Foto)

La stagione tennistica è appena iniziata con il torneo dell’ATP Cup in corso di svolgimento in Australia ma il clima che si respira all’interno del circuito mondiale è già avvelenato da polemiche, contrasti e provvedimenti quanto meno discutibili. I nostri due migliori rappresentanti, Matteo Berrettini e Jannik Sinner, tra qualche ora affronteranno i campioni uscenti della Russia in uno scontro di altissimo livello tecnico, un match che vale l’ingresso in semifinale. Inutile negare però che l’interesse della stragrande maggioranza degli appassionati di tennis è rivolto al primo grande torneo del Grande Slam del 2022, gli Austrialian Open, in programma a Melbourne da lunedì 17 gennaio.

LEGGI ANCHE>>>Sinner-Berrettini, svolta clamorosa per il futuro: gli italiani sognano in grande

LEGGI ANCHE>>>Jannik Sinner e un’eredità che pesa: l’accoppiata fa sognare i tifosi

E proprio in occasione dei tornei dello Slam, il nostro Jannik Sinner potrà usufruire di un’importante novità in occasione degli allenamenti prima delle gare dei quattro tornei più importanti e prestigiosi del mondo. E’ l’allenatore del ventenne talento altoatesino, Riccardo Piatti, ad aver preso una decisione così importante. Nel corso di un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, Piatti ha descrito nei dettagli la novità: “Non escludo affatto che in futuro Sinner possa essere affiancato da un grande ex in occasione dei grandi tornei dello Slam“. Tradotto: molto presto Sinner riceverà l’aiuto di un grande campione del passato durante gli allenamenti.

LEGGI ANCHE>>>Atp Cup, esordio super di Jannik Sinner: Purcell liquidato in due set

Piatti
Riccardo Piatti

Jannik Sinner, il progetto del coach Riccardo Piatti: “Con un big a fianco può solo migliorare”

Il progetto di Piatti prevede un’accelerazione significativa nel processo di crescita del suo allievo più promettente e talentuoso: “Quando allenavo Raonic, Moja si allenò con noi 12 settimane e Milos arrivò in finale a Wimbledon. Ci sarò sempre io, ma per migliorare è giusto aprirsi alle novità. Da coach io vogliolo Slam, credo sia legittimo e giusto. Ovviamente lo vuole anche Jannik, che è nei top 10 ma diciamocelo: ancora non ha fatto niente“.