Marcell Jacobs, c’è un pronostico clamoroso: i tifosi pensano in grande

445

Marcell Jacobs, c’è un pronostico clamoroso: i tifosi pensano in grande. Il 27enne velocista di Desenzano del Garda, campione olimpico e mondiale indoor, è atteso da un’estate caldissima

L’atletica italiana è entrata in una sorta di nuova età dell’oro. Le Olimpiadi di Tokyo dell’estate scorsa hanno regalato allo sport azzurro trionfi e successi destinati ad entrare di diritto nella storia. In particolare, a 40 anni di distanza dalla vittoria di Pietro Mennea sui 200 metri ai giochi di Mosca un altro velocista, Marcell Jacobs, ha centrato la medaglia più preziosa nella gara regina della velocità, i 100 metri piani. E l’impressione è che a giudicare dalla nuova impresa sui 60 metri compiuta dallo sprinter di Desenzano del Garda ai Mondiali indoor di Belgrado, il meglio debba ancora venire.

Jacobs
Marcell Jacobs (Ansa)

Ad esserne pienamente convinto è un collega e amico di Jacobs, il velocista Fausto Desalu. Ventotto anni, originario di Casalmaggiore in provincia di Cremona, è uno dei quattro staffettisti capaci di vincere l’oro nella 4X100 ai giochi di Tokyo. Un risultato straordinario che molti, tra addetti ai lavori e tifosi, considerano un vero e proprio miracolo non più replicabile. Ma è proprio Desalu a smontare lo scetticismo che circonda lo sprint azzurro, soprattutto in vista dei Mondiali di atletica che si svolgeranno a luglio a Eugene, negli Stati Uniti.

Marcell Jacobs, la previsione di Desalu: “E’ un fuoriclasse e può correre i 200 in 19.85”

Desalu
Fausto Desalu (Ansa)

“Da uno che corre i 60 in 6″41 e i 100 in 9″80, mi aspetto un 200 in 19″85/19″90 – racconta l’atleta delle Fiamme Gialle nel corso di un’intervista rilasciata al quotidiano  Tuttosport –. Sembra proprio che nei prossimi mesi il livello dei 200 in Italia sia destinato ad alzarsi. Potenzialmente valiamo tutti un tempo sotto i 20 secondi”. Quindi, secondo Desalu, anche sui 200 metri i velocisti azzurri  e Jacobs in particolare potranno insidiare a breve il dominio degli atleti americani e giamaicani.

La prossima occasione, particolarmente significativa, coincide con i Mondiali di atletica che si disputeranno dal 15 al 24 luglio ad Eugene negli Stati Uniti. Riuscire a battere gli sprinter a stelle e strisce a casa loro, è questo l’obiettivo ambizioso degli azzurri. E Desalu è convinto che Marcell Jacobs riuscirà nell’impresa: “Marcell non si pone limiti e a mio avviso ha ancora enormi margini di miglioramento. Ai Mondiali ci divertiremo“.